Magazine Cultura

Esposizione di Pareidolia di radici-Ronchi, viale della repubblica Marina di massa-EIDOTECA Amici del'Universo

Creato il 31 luglio 2012 da Peranzoni
Pareidolia di radici
di
Giulio Peranzoni
Pareidolia è una parola che deriva dal greco:  para che vuol dire attraverso, per mezzo di, e eido che vuol dire figura. In pratica è quel meccanismo psicologico che associa le immagini, o meglio, che ci  fa leggere delle immagini in altre immagini.
Un esempio comune sono le immagini che di solito vediamo nelle forme delle nuvole, oppure i volti o gli  animali che ci sembra di scorgere nelle macchie o nelle incrostazioni dei muri. Non è un gioco della fantasia o un banale effetto ottico ma un qualche cosa di più profondo del nostro essere. È un meccanismo ancestrale e biologico che ci portiamo nel nostro DNA dai nostri lontani antenati. Un meccanismo di difesa che gli ominidi del pleistocene avevano sviluppato in maniera eccezionale e che li difendeva dai vari predatori. Era una delle  capacità fondamentali per sopravvivere e che consisteva  di vedere, tra le forme delle vegetazione,  i predatori mimetizzati e quasi invisibili. I nostri antenati che hanno  sviluppato questa dote e cioè leggere meglio le forme tra una forte entropia visiva sono sopravissuti alla selezione naturale e per eredità ci hanno trasmesso questa capacità.
Un meccanismo che ci è rimasto e che ogni tanto affiora per gioco e casualmente. Come creatore di immagini mi è sempre piaciuto scorgere figure nascoste in altre forme. Nuvole, profili di montagne, macchie di inchiostro, i blocchi  di marmo che ogni tanto scolpisco; addirittura nei primi anni della mia professione, inconsciamente utilizzavo questa capacità per creare nuove immagini. Mi entusiasmava la reazione di diluenti e inchiostri e miscugli di altri materiali e seguendo i suggerimenti delle loro configurazioni casuali, mi divertivo  a disegnare nuove creazioni.
Quando mi sono accorto che nelle radici spiaggiate oltre  a vedere delle immagini si aggiungeva anche una plasticità di forme affascinanti e che grazie alla elaborazione digitale ora  potevo evidenziarle con più precisione con il disegno, ho iniziato a riflettere meglio su cosa mi ero imbattuto.
Soprattutto di fronte alla reazione dei primi spettatori. Mi ha colpito subito il fatto  che molti di loro hanno letto immagini che io non avevo inserito.
Non solo, ma dopo la loro segnalazione,  la mia mente non riusciva più a togliere quella lettura di figure nuove. La conclusione ovvia è che le mie tavole mettono in moto un meccanismo biologico sopito da generazioni e  la cosa più affascinante è che non si accende solo a chi crea queste immagini ma anche a chi le osserva.
Sono forse le prime  immagini materiche interattive, nel senso che chi osserva non lo fa in maniera passiva, una volta ricevuto quel tipo di messaggio visivo, il meccanismo della Pareidolia si attiva e porta a sua volta  lo spettatore  a creare nella sua mente nuove immagini.  È su questa strada che ho iniziato a produrre Pareidolie di immagini. Ma nel elaborare immagini in digitale, come tutti sanno, si intromette un enorme problema, e cioè lo spazio strutturale di queste immagini. Le elaborazioni di queste radici all'interno di una dimensione finita come quella di un monitor o di una pagina cartacea di  libro, sono di una misura ben definita,  limitata e compressa. Quando finalmente sono riuscito a stamparle in grande su un supporto adatto e con colori speciali, ho cercato di rendergli la loro aurea, cioè trasformarle da copia ad originale con interventi manuali. E durante questo passaggio si è rivelata una seconda interessante sorpresa. Le immagini digitali, come tutti ormai sanno, sono composte da pixel, e anche se la risoluzione è abbastanza alta, una volta portate su dimensioni notevoli, la loro struttura ritorna a farsi vedere. Proprio questa composizione astratta dovuta al digitale mi suggeriva una nuova Pareidolia che si aggiungeva a quella naturale delle radici. Un gioco di specchi e di forme che la mia mente si diverte a comporre in nuove fantastiche figure e che spero anche le menti di chi le osserva si divertirà a comporre con le proprie capacità, tenendo così attivo un istinto primordiale che prima o poi avremmo perduto.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Quasi amici

    Quasi amici

    Due vite si incontrano e i loro destini si incrociano.Uno è un giovane di colore che ha bisogno del sussidio di disoccupazione; l’altro è un maneger ultra... Leggere il seguito

    Da  Dallomoantonella
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Esposizione Belvedere a Vienna

    Esposizione Belvedere Vienna

    Il centro focale di quello che un tempo era un raffinato impero del pianeta Terra, quello Austro-Ungarico con sede reale a Vienna, è composto da due palazzi... Leggere il seguito

    Da  Witzbalinka
    CULTURA, VIAGGI
  • Quasi amici

    Quasi amici

    Driss, ha una trentina d'anni. E' di origine senegalese. Ha precedenti penali, il più recente sei mesi per furto in una gioielleria. Leggere il seguito

    Da  Flavio
    CINEMA, CULTURA, FUMETTI, LIBRI
  • Quasi Amici

    Quasi Amici

    Quest'anno i francesi non ne sbagliano uno...sto parlando dei film!Sono diverse le commedie uscite in questi mesi dalla Francia, e una nota di merito va... Leggere il seguito

    Da  Scatolaemozionale
    CULTURA
  • Esposizione di moda e arte al Mumok di Vienna

    Esposizione moda arte Mumok Vienna

    Anche se il lettore può pensare che la sto prendendo per le lunghe, l’arte nacque, quando ancora l’uomo abitava le caverne, in primo luogo come desiderio umano... Leggere il seguito

    Da  Witzbalinka
    CULTURA, VIAGGI
  • Esposizione di Andy Warhol a Roma

    Esposizione Andy Warhol Roma

    La Galleria Nazionale di Arte Moderna a Roma presenta dal 12 giugno al 9 settembre uno degli eventi culturali più interessanti dell’estate della capitale romana... Leggere il seguito

    Da  Witzbalinka
    CULTURA, EVENTI, MOSTRE ED ESPOSIZIONI
  • Marina Richterova

    Marina Richterova

    Marina Richter (o Richterova) è un'artista di Praga, Repubblica Ceca, dove si è trasferita negli anni ottanta proveniente dalla Russia, sua tormentata terra... Leggere il seguito

    Da  Ant
    ARTE, CULTURA

Dossier Paperblog

Magazine