Magazine Basket

Eurolega, 13a giornata Top 16: Girone F tutto da giocare. Pana e Stella Rossa qualificate

Creato il 05 aprile 2016 da Basketcaffe @basketcaffe

Quaranta minuti, gli ultimi, saranno necessari per definire il girone F che sembra non volere emettere gli ultimi verdetti. Il Real Madrid incassa una sconfitta sanguinosissima a Vitoria, condannato sulla sirena da Bertans, mentre l’Olympiakos rimedia un -32 a Mosca contro il Khimki. Il Barcellona si impone contro il Bamberg, mentre il Cska Mosca fatica contro lo Zalgiris prima di cogliere i due punti. Nel girone E il Fenerbahce vince il derby di Istanbul contro l’Efes condannando la formazione di Ivkovic alla bruciante eliminazione. Il Panathinaikos stacca il pass playoff trionfando contro il Cedevita e anche l’incredibile Stella Rossa, supera le previsioni, qualificandosi nonostante lo stop contro il Darussafaka.

MVP

Davis Bertans. Il lettone, classe 1992, con una prodezza incredibile condanna il Real Madrid ad una sconfitta sanguinosa. La sua tripla sulla sirena resta probabilmente la giocata della stagione che conferma lo straordinario talento del baltico. L’infortunio al crociato rimediato lo scorso anno al Forum sembra un lontano ricordo, e in un Laboral Kuxta che vola verso i playoff Bertans si mostra come una delle stelle più luminose. E anche dal Texas, zona San Antonio che ne detiene i diritti, qualche sguardo interessato inizia ad arrivare.

TOP

Girone F. Che fosse un girone equilibrato lo avevamo immaginato al momento dei sorteggi, che si arrivasse a 40 minuti dalla sirena finale con ancora due posti mancanti era impensabile. Cska Mosca e Laboral Kuxta si godono i pass ampiamente conquistati, lasciando le altre a tremare. Cinque team per due soli posti disponibili, destini intrecciati in almeno dieci scenari differenti. Barcellona e Khimki (entrambe 7-6) vantano una vittoria in più della concorrenza, ma se i blaugrana affronteranno uno Zalgiris ampiamente appagato, i russi si incroceranno con il Real Madrid (6-7) in Spagna, sapendo di non poter contare sullo scontro diretto (in Russia finì +11 per gli uomini di Laso). L’Olympiakos (6-7) accoglie in casa il Cska Mosca mentre il Bamberg (6-7) vola a Vitoria per alimentare i sogni di gloria playoff.
Se Khimki e Barcellona vinceranno i giochi saranno chiusi, altrimenti via ai conteggi e scontri diretti per decidere chi giocherà i playoff. Il Girone F non smette di stupire.

FLOP

Efes Istanbul. Nell’attesa di conferire la palma di cattivo a Real Madrid, Olympiakos, Barcellona o Khimki è l’Efes il flop della settimana, e anche di questa stagione di Eurolega. La formazione di coach Ivkovic manca l’accesso ai playoff perdendo il derby della capitale contro i rivali del Fenerbahce. Un risultato negativo quello dei turchi, mai pienamente parsi come una possibile outsiders e affossati dalle divisioni interne allo spogliatoio.
Dopo una regular season in cui non aveva impressionato (record di 6-4) l’Efes sembrava rinato con una serie di tre vittorie consecutive nelle Top-16, prima di crollare nel derby della capitale e chiudere al quinto posto un girone che avrebbe dovuto essere alla portata dei turchi. Jayson Granger (11 pt) e Thomas Huertel (12 pt) sono stati i più continui nell’arco della stagione mentre il golden boy Dario Saric non ha fatto quel salto di qualità che ci si attendeva. Dunston non si è confermato, ma la grande delusione resta Cedi Osman, che non ha dato seguito a un Eurobasket 2015 vissuto da protagonista (19 minuti, 7.7 punti, 3 rimbalzi). Il talento non manca a Istanbul, ma Ivkovic non è riuscito ad assemblare un team solido ed equilibrato. Che sia l’ultima recita della carriera di una leggenda?

MAN OF THE WEEK

Nando De Colo. Con Vesely out per infortunio, Ayon inguaiato con il suo Real Madrid, la grande attrazione di questa Eurolega è il francese del Cska Mosca. Il playmaker ex Spurs lancia l’allungo decisivo verso quel titolo di MVP che ora comincia a sfoltire la rosa dei papabili. De Colo trascina il Cska Mosca verso il primo posto del girone F con la vittoria sullo Zalgiris Kaunas firmando 26 punti con 5/7 da due, 3/4 da tre e 7/7 ai liberi oltre che 7 rimbalzi e 3 assist. Chapeau Nando.

SURPRISE OF THE WEEK

Petteri Koponen. Il finlandese più famoso d’Europa guida il Khimki alla fondamentale affermazione casalinga contro l’Olympiakos. 21 punti il fatturato della guardia scandinava che continua a produrre risultati partendo dalla panchina. Con Shved sempre più continuo, Augustine asso nella manica e Rice pronto per i Playoff, lo scacchiere di coach Ivanovic si arricchisce di un ulteriore pezzo pregiato, per cercare di centrare l’obiettivo playoff!

 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :