Magazine Media e Comunicazione

Europa League, la doppia sfida Torino - Wolverhampton in diretta su Sky Sport

Creato il 20 agosto 2019 da Digitalsat
Europa League, la doppia sfida Torino - Wolverhampton in diretta su Sky Sport

Ultimo ostacolo, si diceva: perché il Torino arriva al playoff dopo aver già superato due turni preliminari, battendo prima il Debrecen (3-0, 4-1) e poi i bielorussi del Sachcer Salihorsk (5-0 e 1-1, con pari avversario arrivato al 91° su rigore). Percorso simile a quello dei Wolves, che però hanno vinto 4 gare su 4, segnando un gol in più rispetto ai granata (14 a 13): vittorie contro Crusaders (2-0, 4-1) e Pyunik (4-0, 4-0).

Inutile dire che il livello di difficoltà si alza parecchio, per il Toro, rispetto agli impegni dei turni precedenti. Innanzitutto perché il Wolverhampton ha già iniziato a fare sul serio anche in Premier League, con il campionato già alla seconda giornata: due pari per i Wolves, con lo 0-0 a Leicester nell'esordio e il fresco 1-1 imposto al Manchester United al termine di una gara di sofferenza, in cui la squadra di Nuno Espirito Santo però è stata capace di non perdere mai la testa, restando in partita fino a capitalizzare le poche occasioni create con la fantastica rete del pareggio di Neves.

Una squadra tosta, insomma, che fa del carattere una delle proprie armi vincenti. Lo si era capito già nella scorsa stagione, quando non chinò la testa dinanzi a nessuna delle big (vittoria con il Chelsea, lo United e con il Tottenham a Wembley, pari con City e Arsenal, passaggio del turno in FA Cup eliminando United e Liverpool), ne abbiamo avuto la conferma nel Monday Night contro i Red Devils di Solskjaer. Tanti gli elementi validi in un gruppo che "parla" portoghese e si schiera con un collaudatissimo 3-5-2, a partire dai due attaccanti, pericolosissimi soprattutto in ripartenza, Raul Jimenez e Diego Jota. Senza dimenticare Ruben Neves, Moutinho, Jonny Castro, le fionde che solitamente fanno partire le azioni d'attacco dei Wolves. Occhio anche alla velocità di Adama Traorè, usato anche contro lo United a partita in corso e bravissimo a calarsi subito nel match. Deve ancora ambientarsi, invece, il nostro Patrick Cutrone, arrivato in estate e che per adesso nelle gerarchie dell'allenatore è dietro ai due attaccanti titolari: per l'ex rossonero esordio in maglia Wolves proprio in Europa League, entrando dalla panchina nella gara di ritorno con il Pyunik, e i minuti finali delle due partite di campionato.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog