Magazine Cucina

“Everything stops for tea” – Il rito del “Tea Break” in UK

Da Samantaspastry

Nel mio post precedente sulla Victoria Sponge, vi avevo accennato al mio viaggio in Scozia dell'estate scorsa. Ho avuto modo di lavorare e vivere per un po' di tempo presso un ostello/campeggio/location per matrimoni nelle campagne del Pertshire. Durante il mio soggiorno, ho aiutato lo staff nei più' svariati lavori, dal recidere fiori nei campi, a dipingere rocce lungo il vialetto d'entrata, dal trasportare balle di fieno su in cima in un bosco (si, avete letto bene xD) a pulire le stanze e i bagni dell'ostello.

Ho avuto modo di conoscere gli altri membri dello staff (tutti scozzesi) e di lavorarci insieme. La cosa che mi ha più' colpito di tutto ciò' era il momento del "Tea Break". Sin dal primo giorni, i responsabili mi avevano detto che ogni giorno, alle 11 in punto a.m. , ci sarebbe stata questa pausa, e di andare a bere un te' o un caffè nell'ufficio principale. Ho pensato che fosse una cosa carina, come un modo per staccare un po' dal lavoro e bere una bevanda calda.

La cosa che ho scoperto con il passare dei giorni è quanto questo break sia un momento quasi sacro e indispensabile per chi lavorava li' e a quanto pare per tutti i britannici. Non importava cosa essi stessero facendo, se fossero nel bel mezzo di una commissione o meno: alle undici spaccate della mattina, essi si fermavano e si prendevano la loro mezz'ora di pausa. Si riunivano tutti nell'ufficio principale, vicino alla reception e si preparavano un tè caldo o un caffè bollente, accompagnato spesso da biscotti burrosi o fette di torta ripiene di crema.

Non conoscendo questo "rito", e non avendo un orologio o il cellulare con me, spesso mi dimenticavo di questa pausa, non essendovi abituata (in italia non mi era mai successo prima) e venivo "rimproverata" scherzosamente dai miei colleghi, invitandomi ad unirmi a loro.

Devo ammettere che sono stati quei momenti condivisi con loro di fronte ad una tazza di tè, che ricordo e ricorderò' per sempre con un sorriso sulle labbra. Non importava se li conoscessi da un giorno o da tre settimane, se ero solo una volontaria italiana che capiva a spizzichi e bocconi quello che dicevano (l'accento scozzese è davvero difficile da decifrare xD) e se non li avrei più' rivisti in tutta la mia vita. In quel momento ero una di loro, facevo parte dello staff, e di giorno in giorno mi affezionavo a loro sempre di più'.

E' solo nel momento in cui mi sono informata meglio su questo Tea Break, che ho capito il motivo per cui è stato cosi' facile legare con loro. Pare che in UK, il Tea o Coffee break sia regolamentato dalla legge. Infatti i dipendenti che lavorano 6 o più' ore al giorno, hanno diritto ad almeno 20 minuti di pausa al giorno. E non mi riferisco alla pausa pranzo, ma ad un breve periodo di tempo durante la mattinata durante il quale fermarsi e bere qualcosa, e magari parlare con i colleghi.

E' stato dimostrato che il tea break incrementa la produttività , la vita sociale e l'umore dei lavoratori, e aiuta a creare un ambiente sicuro e salutare.

Avendo avuto l'opportunità di esperire tutto ciò' in prima persona, posso dire che in UK non hanno tutti i torti. Credo che sia stato proprio grazie a quei tea break che ho potuto conoscere meglio quelle persone e legarmi cosi' tanto a loro, anche se è stato solo per tre settimane.

Se almeno in questo, l'italia prendesse spunto dalla Gran Bretagna, credo che ne guadagnerebbe in termini di soddisfazione lavorativa e benessere personale.

Ma sdrammatizziamo un po'! Ho scoperto che esiste una canzone a riguardo, intitolata "Everything stops for tea", tratta dal film-musical inglese del 1935 " Come out of the pantry" (letteralmente *Uscire dalla Dispensa")

Vi lascio con le prime due strofe della canzone e con il video della canzone. Preparatevi un tè e mangiate un pezzo della mia Victoria sponge 🙂

Every nation in creation has its favourite drink / Ogni nazione nell'universo ha la sua bevanda preferita

France is famous for its wine, it's beer in Germany/ La francia è famosa per il suo vino, La birra per la Germania

Turkey has its coffee and they serve it blacker than ink / La tuchia ha il suo caffè, e lo servono piu' nero dell'inchiostro

Russians go for vodka and England loves its tea/ I russi vanno per la vodka e L'inghilterra ama il suo tè

Oh, the factories may be roaring / Oh le fabbriche potrebbero essere ruggenti With a boom-a-lacka, zoom-a-lacka, wee con un boomalacka, zoomalacka wee /(non sono riuscita a trovare una traduzione xd)

But there isn't any roar when the clock strikes four / ma non c'è piu' nessun ruggito quando l'orologio segna le quattro


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines