Magazine Passione Motori

F1 | Natale 2017: proposta Red Bull sui limiti della pista

Da Chiaramarina
F1 | Natale 2017: proposta Red Bull sui limiti della pistaÈ tempo di auguri e anche i team di Formula 1 si stanno attrezzando per Natale, sopratutto sulle piattaforme social, dove finora Il biglietto della Red Bull risulta decisamente il più accattivante.

Il team di Milton Keynes ha pubblicato un simpatico disegno che raffigura le sue due vetture, quella pilotata da Max Verstappen e quella di Daniel Ricciardo, impegnate in pista. Il tema trattato è quello dei limiti della pista, uno degli argomenti più discussi in seguito alla sanzione ricevuta proprio da Verstappen dopo il sorpasso effettuato ad Austin ai danni di Kimi Raikkonen. Una manovra che gli aveva consentito di scavalcare il finlandese della Ferrari poche centinaia di metri prima del traguardo e guadagnare il podio. Un terzo posto che venne tolto all'olandese per aver oltrepassato i limiti del circuito. Da quel momento in poi si era innescato un nuovo dibattito fra gli addetti ai lavori sul modo con il quale si potrebbero introdurre delle misure precauzionali in grado di evitare situazioni come quella andata in scena in Texas.

F1 | Natale 2017: proposta Red Bull sui limiti della pista
Il biglietto di auguri della Red Bull è una simpatica risposta a questa domanda, con tanto di insidiose trappole ai lati della carreggiata e cordoli 'chiodati' utilizzati in qualità di deterrente per i piloti più indisciplinati. Da notare che nelle vie di fuga sono presenti una Ferrari e una Mercedes inabissate nelle sabbie mobili (opportunamente segnalate), mentre la postazione dei commissari è dotata di vedetta con tanto di cannocchiale. Sotto la dicitura che riassume tutto: "Nuovo radicale piano per rafforzare i limiti della pista per la stagione 2018".

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell'editore - © FormulaPassion.it - Tutti i diritti riservati. All rights reserved.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :