Magazine Motori

F1|Imola ’94 ep.8: 20 anni fa la tragedia di Roland Ratzenberger

Da Tony77g @antoniogranato

A cura della RedazioneF1Sport.it

30 aprile 2014 – Non poteva essere altrimenti, la giornata odierna segna il ventennale dalla scomparsa di Roland Ratzenberger, il pilota dimenticato, il pilota che forse è stato (volutamente?) oscurato da quella che è stata la tragedia che si è abbattuta sul mondo delle corse il giorno dopo, ossia la scomparsa di Senna, il pilota che non è stato accompagnato nel suo ultimo viaggio praticamente da nessuno, nemmeno dagli uomini della sua Simtek, ma solo dai colleghi austriaci Berger e Wendlinger, l’esordiente sfortunato, insomma, un pilota la cui carriera in Formula 1 è stata fin troppo breve per poter descrivere quello che è stato nel corso della sua precedente carriera nelle serie minori, a ruote coperte e a ruote scoperte.

roland ratzenbergeryoung
Ratzenberger, infatti, inizia giovanissimo, all’età di 23 anni, anche se avrà l’abitudine di iscricversi alle competiozioni dichiarando 2 anni in meno rispetto alla sua età reale. Inizierà nelle categorie a ruote scoperte, in Formula Ford, dove nel 1985 ottiene un triplice risultato: Campione tedesco, Campione austriaco e Campione europeo. E i successi non finiranno qui, infatti nello stesso anno si aggiudicherà anche il prestigioso Formula Ford Festival, sul circuito di Brands Hatch, dove ingaggerà una lunga lotta con Philippe Favre e lo batterà sul filo di lana. Nel 1987 arriva al salto di categoria, nel difficile Campionato inglese di Formula 3, che sarà vinto da Johnny Herbert, dove vincerà una gara al Nurburgring.

Nel 1988 esordisce in Formula 3000 e compie un’impresa straordinaria, sul circuito del Nurburgring: parte dal 25. posto e riesce a risalire fino al sesto posto, prima dell’incidente che lo costringe a ritirarsi con Mauro Martini. Dopo due incidenti abbastanza pericolosi, in cui la vettura si spezza in due parti, Ratzenberger decuise di abbandonare la categoria, per correre nel BTCC. In questa categorias, in cui terminerà la stagione, corse 6 gare e terminò sul podiuo in 5 di esse, dominando la gara di Thruxton.

Nell 1990 diventa il primo pilota europeo a sbarcare in Giappone, correndo per BMW e Toyota nella Formula 3000 giapponese e sarà istruttore nella scuola di pilotaggio di Walter Lechner. Giunge il momento del grande sbarco, dell’arrivo nella categoria principe dell’automobilismo, la Formula 1: Ratzenberger attira le attenzioni di un talent-scout di indubbio fiuto come Eddie Jordan, che gli fa sottoscrivere un contratto, ma i suoi sponsor, purtroppo, lo faranno desistere dal suo sogno e sarà costretto a rinunciare a quel sedile in favore, probabilmente, di Bertrand Gachot, lo stesso che gli cederà il posto alla Simtek nella tragica stagione 1994, e lo stesso che cederà quel sedile a Michael Schumacher dopo il suo arresto.

Nella sua esperienza nipponica, Ratzenberger si guadagna la nomea di pilota puntiglioso e attento alla sicurezza. Nel corso di una gara al Fuji, il suo compagno Anthony Reid è vittima di un terribile incidente e perde il casco per la forza d’urto. Ratzenberger, presenta alla scena, prende sotto braccio un suo amico giornalista e insieme scrivono un’articolo che denuncia le condizioni e la preparazione molto sommarie dei tecnici di percorso con gli occhi a mandorla.

Ratzenberger annovera nel suo curriculum anche 4 partecipazioni alla 24 Ore di Le Mans. La prima è del 1990 in coppia con Henri Raphanel e Naoki Nagasaka  alla guida della Toyota 90C-v del team Sard, ma senza ottenere risultati di rilievo. Nel 1991 ci riprova con una Porsche ma è ancora un ritiro a fermare le sue ambizioni. Meglio va nel 1992, quando è secondo di categoria C2 in coppia con Eje Elgh e Eddie Irvine ancora al volante di una Porsche. Nel 1993, alla sua ultima partecipazione, arriva il miglior risultato; ossia la vittoria di categoria C2 al volante della sempre verde Porsche in coppia con la sua vecchia conoscenza Nagasaka e con il nostro Mauro Martini.

ratzenberger5
A inizio 1994, arriva quella che doveva essere la svolta. Barbara Behlau, un dirigente sportivo di Montecarlo, appoggia il suo debutto in Formula 1. Ratzenberger riesci quindi a trovare un sedile alla Simtek,  prima di Gachot e dopo l’abbandono di Gounon, pochi giorni prima dell’inizio della stagione e appena in tempo per i test di Imola che gli permetteranno un primo shake-down con una vettura di Formula 1. Il suo debutto avviene in Brasile, ma non riesce a qualificarsi. Due settimane più tardi, arriva il Gran Premio del Pacifico e qui Ratzenberger riesce a portare la sua Simtek in gara con il 26esimo tempo. Anche se per tutto il week end di gara resterà lontanissimo dal compagno David Brabham, Ratzenberger chiude il gran premio in undicesima posizione.

Sabato 30 Aprile 1994. Roland Ratzenberger esce dal box per tentare un giro veloce. Inutile e forse azzardato, perchè con Barrichello infortunato e Paul Belmondo assente, lui in gara ci sarà comunque. Si prepara per il giro di lancio ma, forse, commette un errore e danneggia l’ala anteriore di una Simtek lenta e fragile. Roland non rientra ai box ma si lancia a tutta velocità verso la curva Tamburello e poi la Villeneuve. E’ un attimo che non doveva succedere, ma è successo nel momento peggiore. Alla curva Villeneuve l’alettone cede di schianto lasciando il povero Ratzenberger senza controllo in 6° marcia piena a 314,9 Km/h con la Simtek che punta, inesorabile, verso il muro. L’urto è tremendo. La vettura striscia lungo tutto il muro, taglia il prato della curva Tosa e si ferma in mezzo alla pista lasciando alle telecamere tutte le immagini cruente che un’incidente così può creare. La cellula di sicurezza ha ceduto lasciando addirittura intravedere la tuta del pilota, mentre sul casco si vedono dei segni rossi che non c’è bisogno di spiegarne la natura.

ratzenberger6
I soccorsi sono tempestivi, alle 13:55 l’elicottero decollato da Bologna trasporta Ratzenberger all’ospedale “Maggiore”, ma per questo ragazzone alto, moro, simpatico, scapolone incallito, amante dei succhi di frutta, della musica di Tschaikovsky e di Prince, non c’è più nulla da fare. Il dottor Piana ne dichiara il decesso alle 14:15 dopo solo 8 minuti dall’arrivo in ospedale. A causarne il decesso sarà una frattura della base cranica, avvenuta nel momento in cui la vettura ha picchiato violentemente contro il muro causandone, in pratica, la morte sul colpo. 

Questa è la storia di Roland Ratzenberger. Una delle storie più tristi della Formula 1. La storia di un ragazzo venuto su dal nulla, che con passione e dedizione ha coronato il suo sogno di correre nella massima categoria. Una storia triste anche perchè il giorno dei funerali dal mondo della F1 ci saranno solo Berger, Wendlingler (suo amico che accompagnava spesso in aereo nelle trasferte) e Max Mosley patron della Simtek. Nel mondo che ingoia e dimentica facilmente, non c’era spazio neanche per una doppia celebrazione. Oggi Ratzenberger riposa nel cimitero di Maxglan con una targa che porta stilizzato il casco e una frase: “Deceduto nel corso delle qualifiche per il Gran Premio di San Marino del 30 Aprile 1994: stava inseguendo il suo sogno”.

Luca Sarpero Segui @TheSarpyF1

 Cristian Buttazzoni Follow @CButtazzoni1981

F1|Imola ’94 ep.8: 20 anni fa la tragedia di Roland RatzenbergerF1Sport.it - F1 Formula 1 F1 Tecnica F1 News Team Analisi


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • F1 | Come cambieranno le vetture di F1 nel 2014

    Come cambieranno vetture 2014

    Antonio GranatoF1Sport.itRoma, 5 dicembre 2013 – Con il nuovo regolamento tecnico che entrerà in vigore il prossimo anno, molti saranno i cambiamenti che... Leggere il seguito

    Da  Tony77g
    MOTORI, SPORT
  • F1 | Pneumatici e temperature

    Pneumatici temperature

    A cura della RedazioneF1Sport.itRiceviamo e pubblichiamo di Raffaele Russo 11 dicembre 2013 – Pneumatici e relazione con le temperature Tutti noi appassionati d... Leggere il seguito

    Da  Tony77g
    MOTORI, SPORT
  • F1 | Il Magazine F1 Tecnica di dicembre gratis on-line

    Antonio GranatoF1Sport.it23 dicembre 2013 – Da questa mattina è disponibile il download gratuito del numero di dicembre del Magazine “F1 Tecnica”. Leggere il seguito

    Da  Tony77g
    MOTORI, SPORT
  • Mercedes AMG F1

    Mercedes

    La Mercedes AMG Petronas Formula One Team è una scuderia tedesca di Formula 1, vincitrice di due Mondiali Piloti nel 1954 e nel 1955, prima del temporaneo ritir... Leggere il seguito

    Da  Magazinef1
    MOTORI, PASSIONE MOTORI, SPORT
  • Williams F1 Team

    Williams Team

    La Williams F1 Team è una scuderia motoristica britannica di Formula 1, fondata da Sir Frank Williams nel 1977 dopo la cessione del suo rapporto di affari con i... Leggere il seguito

    Da  Magazinef1
    MOTORI, PASSIONE MOTORI, SPORT
  • Caterham F1 Team

    Caterham Team

    La Caterham F1 Team è una squadra anglo-malese di Formula 1, attiva dal 2012 dopo il cambio di denominazione dovuto alla controversia legale con il Lotus F1... Leggere il seguito

    Da  Magazinef1
    MOTORI, PASSIONE MOTORI, SPORT
  • Marussia F1 Team

    Marussia Team

    La Marussia F1 Team è una scuderia russa di Formula 1 che ha fatto il suo esordio nel 2012, nata dalla Virgin Racing dopo l'entrata nel suo capitale azionario... Leggere il seguito

    Da  Magazinef1
    MOTORI, PASSIONE MOTORI, SPORT