Magazine Informatica

Fade to Silence: una nuova speranza con "Hope"

Creato il 01 febbraio 2018 da Tuttotek

Fade to Silence, il survival game di THQ Nordic sviluppato da Black Forest Games, ha ottenuto "Hope", il primo dei quattro grandi aggiornamenti durante l’Early Access su Steam

A proposito di Fade to Silence

Avevamo rivelato l'arrivo di Fade to Silence qualche tempo fa, quando era appena stato svelato su Steam. Fade to Silence è un survival game di THQ Nordic, nel quale il giocatore vestirà panni di Ash, un leader naturale e tormentato, e dovrà esplorare un ambiente post-apocalittico desolato e glaciale, e cercare il necessario per costruire un rifugio per i superstiti. Le risorse scarseggiano, quindi anche un compito semplice come migliorare l'equipaggiamento o trovare velocemente del materiale richiede una vera e propria spedizione. La ricerca porterà a esplorare un vasto territorio in cui scorrazzano mostri innaturali. Ma c'è un nemico ancor più temibile: un inverno durissimo. Ash dovrà lottare contro il gelo e tener conto delle proprie condizioni fisiche, e le tormente potrebbero rivelarsi letali: se lo coglieranno di sorpresa, per sopravvivere avrà bisogno di tutta la sua abilità, determinazione e fortuna.

In Fade to Silence non si deve solo sopravvivere agli incontri con creature soprannaturali chiamate Eldritch, ma anche al freddo estremo che vi tormenterà in un deserto post-apocalittico. Le risorse saranno difficili da trovare, quindi Ash dovrà esplorare un'area di 8 km² a piedi o con la slitta. Non sarà affatto facile, poiché nel gioco vige un sistema meteorologico dinamico: tormente e gelate peseranno sul fisico di Ash, ma anche sulla sua psiche.

Black Forest Games ha ascoltato attentamente i feedback e le discussioni della community (e naturalmente continuerà a farlo) e ha deciso di apportare dei miglioramenti al gioco. Sono stati annunciati ben quattro aggiornamenti: con il primo, "Hope", gli sviluppatori non solo hanno rivisto gli effetti meteorologici, ma hanno anche messo a punto la prima parte del loro cosiddetto "meccanismo di recupero". Il meccanismo di recupero è un sistema che consente ai giocatori di raccogliere frammenti speciali che aumentano le loro capacità, anche dopo aver perso tutte e sei le vite e devono ricominciare da capo.

Meccanismo di recupero in Fade to Silence

Obiettivo: permettere al giocatore di recuperare più velocemente se perde la sua ultima vita e deve ricominciare da capo.

Come raggiungere l'obiettivo: i Permadeath Mitigation Collectables sono collocati nel mondo a seconda del livello di progettazione. Questi oggetti da collezione possono essere trovati all'interno di contenitori così come nelle zone più "selvagge"

Ce ne sono quattro tipi e ognuno corrisponde ad una delle seguenti statistiche del PC: Stamina / HP = Hitpoint / Fame / Freddo

A intervalli arbitrari in base al numero di oggetti da collezione raccolti di un tipo specifico, viene assegnato un bonus del tipo corrispondente in modo permanente al PC. I bonus permanenti rimangono anche dopo la permadeath. Se si inizia una nuova partita non si resettano quei bonus. Ogni mitigazione consentita può essere raccolta una sola volta.

Tempo: gli effetti del tempo attraverso il gioco sono stati migliorati. L'obiettivo è aumentare l'immersione del giocatore. Ciò servirà anche a mitigare alcuni dei problemi di prestazioni.

Nel caso siate interessati a maggiori informazioni sull'aggiornamento "Hope", guardate il nono episodio sul vlog "BFG Unlocked", dove gli sviluppatori parlano di come implementano i feedback della community e mostrano alcuni approfondimenti sul lato tecnico dei nuovi effetti sul tempo. Potete visualizzare il filmato qui sotto:

Il prossimo importante aggiornamento arriverà entro febbraio, e presenterà molti nuovi contenuti. Rimanete con noi per ulteriori aggiornamenti, e vi lasciamo ricordandovi che Fade to Silence è attualmente disponibile per PC via Steam in Early Access, ma che nel corso del 2018 dovrebbe debuttare in versione completa anche su PlayStation 4 e Xbox One.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :