Magazine Viaggi

Fammi un po' il 3 con le dita!

Creato il 05 aprile 2016 da Loredana De Michelis @loridemi
Fammi un po' il 3 con le dita!

Paesi diversi, diversi modi di contare con le mani: chi mostra il dorso, chi il palmo, chi aggiunge dita e chi le toglie. Gli italiani, i più estrosi, ovviamente.


I gesti saranno meno complicati da capire delle parole in una lingua sconosciuta, ma non sono internazionali: persino tra sordomuti di Paesi diversi è necessario un interprete che traduca alcuni segni.
Passare un po' di tempo in un chiosco sulla spiaggia, il cui proprietario africano non parla una parola d'inglese ed è anche sordo, può diventare istruttivo: ci si rassegna all'idea di non potere ordinare ciò che si vuole e l'unica soluzione è quella di indicare insistentemente la consumazione di un altro cliente, lasciando che sia il fato a decidere la prossima esperienza degustativa. Anche ordinare della Coca Cola, il cui nome è più o meno pronunciato allo stesso modo in tutto il mondo, può diventare farraginoso se si è in più di uno, soprattutto nel caso in cui, oltre a non capire ciò che dite, chi vi guarda non capisca neppure i numeri espressi con gesti per lui insoliti.
Ecco una collezione, limitata, di possibili segni per indicare una quantità. Le foto sono state scattate al volo, chiedendo ai modelli di mostrare i numeri in ordine sparso, perché se si chiede a una persona di contare con le dita da uno cinque, spesso questa esegue una sequenza che poi non sempre corrisponde al singolo segno che userebbe in un contesto diverso: per esempio, se a un italiano si chiede di mostrare come conta con le dita, egli tendenzialmente eseguirà mostrando il dorso della mano allo spettatore e facendo il 2 con il pollice e l'indice, mentre se ordina 2 bibite, preferirà mostrare il palmo con indice e medio tesi.
Avvertenza: gli spunti interpretativi socio-fanta-psicologici qui di seguito forniti hanno poco di accademico e molto di collegato alla consumazione del giorno.
UNO
Gli africani mostrano il dorso della mano e non il palmo. Gli italiani si distinguono offrendo una prospettiva complessa e dinamica delle nocche, compiendo un gesto che all'estero può essere interpretato come segnale amichevole o minaccioso, dipende dal Paese; quasi nessuno capisce che si tratta del numero 1. Gli abitanti di alcune regioni della Russia hanno un modo diverso di mettere in evidenza il dito che rappresenta il numero: se per tutti gli altri esso emerge da un pugno chiuso, in questo caso invece è il palmo aperto, con le dita tese, a rappresentare "il vuoto" iniziale; i fraintendimenti sulla quantità indicata sono piuttosto frequenti.

Fammi un po' il 3 con le dita!

Tanzania                        Iran                                Italia                                       Russia                               Stati Uniti


DUE
Il 2 russo è identico al 3 italiano.

Fammi un po' il 3 con le dita!

Tanzania                    Iran                                              Italia                               Russia                               Stati Uniti


TRE
La difficile interpretazione del 3 russo si allarga, affliggendo anche altre culture. Questo è il numero con maggiori varianti gestuali. La posizione delle dita nel 3 italiano è quasi sicuramente di antica origine greco-romana.

Fammi un po' il 3 con le dita!

Tanzania                     Iran                                 Italia                                  Russia                                  Stati Uniti


QUATTRO
Sul 4, quasi tutti d'accordo. Quasi.

Fammi un po' il 3 con le dita!

Tanzania                             Iran                              Italia                             Russia                                          Stati Uniti


CINQUE
Al cinque, Africa e Russia s'incontrano, almeno concettualmente. Interessante l'atteggiamento che sta alla base di due modi opposti di mostrare la stessa quantità: il pugno chiuso la "possiede e la stringe", il palmo aperto la "consegna e la proietta". La posizione del pugno africano è anche quella da cui parte l'1 italiano e un certo modo specifico di contare il tempo, anche usato negli Stati Uniti. C'è chi dice che l'origine del pugno indicante il numero 5 arrivi dall'antica Roma. Una mano, le cui dita potevano indicare diversi valori numerici, era impressa su alcune monete che circolarono durante l'Impero.

Fammi un po' il 3 con le dita!

Tanzania                Iran                                   Italia                                     Russia                               Stati Uniti


Nei chioschi di bibite sul mare, la conta con le dita che va oltre il 5 è riservata alle comitive: per quanto interessantissima, sarà risparmiata al lettore, fatta eccezione per quella della Tanzania.

Fammi un po' il 3 con le dita!

6                                     7                                     8                                      9                                    10


Molti italiani, oltre a ruotare improvvisamente il polso per fare 1, quando contano in sequenza insistono a muovere il pollice alternativamente una volta verso il palmo e una volta verso l'esterno. Lo spettacolo è affascinante e ha un suo ritmo danzante, ma il pollice che va e che viene svia l'attenzione e confonde lo spettatore non abituato.
Fammi un po' il 3 con le dita!

Approfondimenti sulla matematica con le dita, da perderci la testa: http://crema.di.unimi.it/~citrini/Tesi/r9/app6.html
Loredana de MIchelis

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine