Magazine Informazione regionale

Fatima Sergio, la jihadista torrese, sarebbe pronta al martirio

Creato il 19 novembre 2015 da Vesuviolive

Fatima Sergio

Maria Giulia Fatima Sergio, la foreign fighter originaria di Torre del Greco e ricercata dalla procura di Milano per terrorismo, sarebbe, secondo il procuratore aggiunto Maurizio Romanelli, addestrata all’uso di armi sia lunghe che corte e pronta all’esecuzione di qualsiasi richiesta le venisse fatta da parte dell’Isis.

La ragazza si troverebbe al momento in Siria a combattere per il Califfato e ci sarebbe arrivata attraverso la Turchia insieme a suo marito dopo aver contratto il matrimonio a Bergamo. Secondo le indagini sarebbe emerso che la famiglia della ragazza era pronta a raggiungerla in Siria. In particolare la sorella di Fatima Sergio avrebbe subito dalla stessa un’incessante attività di indottrinamento e arruolamento che avrebbe poi condotto a sua volta su altre donne, in particolare una cittadina ucraina, Lupan Yevdokiya ‘Dunia. Per fortuna l’intera famiglia è stata arrestata prima di partire.

Il padre della ragazza, sulla quale pende un’accusa di organizzazione di trasferimenti per finalità terroristiche, ha dichiarato di essere stato manipolato dalla figlia e di voler tornare ad essere cristiano. Fatima chiedeva insistentemente al padre, nel corso delle chiamate tramite Skipe, di ritirare i soldi dalla liquidazione e di raggiungerla in Siria, trascinando la madre per i capelli se fosse stato necessario.

Le indagini condotte dalla procura di Milano hanno anche evidenziato un flusso continuativo dei cosiddetti foreign fighter da numerosi paesi e la capacità dell’Isis di smistare i volontari. Gli inquirenti sono riusciti a ricostruire i metodi di indottrinamento e arruolamento che avvengono attraverso il web e “la rete sovranazionale che organizza i trasferimenti dei cosiddetti foreign fighters verso il cosiddetto stato islamico e il loro arruolamento e addestramento militare“.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :