Magazine Salute e Benessere

Fight pub

Creato il 13 dicembre 2019 da Nike
FIGHT PUB
FIGHT PUB
Trauma della nascita, nascita del trauma. Karmacoma. Per rinascere dovevo uscire dalla torma. “Non vedi che il cielo, grave di presentimenti, s’oscura e tace?”Se prima ero ‘in fieri’, ora mi sento proprio in forma: ma sì, voglio proprio infierire… A colpi di clava. Un po’ Stirner, un po’ Fight club, un po’ Ezra Pound. Chi è sicuro del valore della propria causa non sente il bisogno della sua vittoria: il valore della causa ne segna già il trionfo.”Infierire. Non solo sfiorare, ferire, interferire. Turbare, non solo tubare. Devo uscire dalla mia comfort zone. Voglio avere la mia fighting chance! Diventare leggenda (e tuttavia invecchiare…). E danzare sul mondo (a suon di tromba) e… ridere, ridere, ridere (il romanzo come terapia?). Riso dionisiaco-nicciano e witz surrealista-freudiano: un po’ di seltz nell’acqua bassa del mondo (se non altro, del mio mondo).   Spritz… Ne ho scritto un romanzo (“Nessun vascello c’è che come un libro possa portarci in contrade lontane”), con molte fughe in avanti – se al vascello ha provveduto la Dickinson, quanto al dérriere mi sono barcamenato tra prestiti a destra e a sinistra. Usura? Jamais! La mia ‘missione’? (e sono solo all’inizio): “Non essere limitato da ciò che è più grande: essere contenuto in ciò che è minimo, questo è divino.”E per questo ho scritto la top story del ventunesimo secolo (e non avevo ancora spolpato il ventesimo…). By the way, ho vinto pure un premio Emily Dickinson! Ed eccovi un tralcio da “Gocce di pioggia a Jericoacoara”.
Sentiva nella ghianda dell’anima che c’era something new in the air. Qualcosa di nuovo stava per accadere: su di sé, intorno a sé, dentro di sé, sentiva good vibrations. Sentì vibrare il nucleo, il cuore, l’antro sotterraneo che si celava dentro: un desiderio violento lo pervase, come magma pronto a eruttare che la crosta esterna comprimeva, tratteneva, faceva muraglia tutt’intorno. Bramose voglie in cerca di un significato, aneliti vulcanici, ma spesso degradati a basic instinctssenza profondità vitale.Nondimeno, dal mondo del sogno – il Tjukurrpa aborigeno in cui spesso si rifugiava, e da sempre (già nel ventre materno – così gli sussurrava l’Io subliminale) – più di una volta era riuscito a tirar fuori il ‘nucleo immaginale immanente’ (frase a effetto esplosa da Lorenzo in una delle conferenze amatoriali del suo periodo rosa), cioè la qualità ‘numinosa’ che lo sottendeva. In pratica, aveva dato corpo (nel vero senso del termine) ai voli della sua immaginazione.Quel bisogno di creatività, di fuga dal mondo, di fantasie da realizzare, che può creare sia il gigante sia il mostro. Ma Lorenzo non era riuscito a essere né l’uno né l’altro; se non a sprazzi o, nel migliore dei casi, in maniera discontinua, frammentata. Arenato, frenato, appesantito dall’io sociale che non lasciava correre il suo io reale. Eppure la voce tiranna Krishnamurti dixit – gridava... E come strillava! Munch… Sussurri e grida. Un urlo sul ponte.Ginsberg… che urlo! Ho visto le menti migliori della mia generazione distrutte dalla pazzia, affamate nude isteriche, trascinarsi per strade di negri all’alba in cerca di droga rabbiosa…” Anche Lorenzo arrancava, ma senza strillare. Non più nero di rabbia. Solo frenato. Senza remi, con molte remore. Ramingo.Freni interni ed esterni. Per rompere i quali, e catapultarsi nella vita, aveva cercato – pensando che fosse lì il problema – d’integrare il puer con il senex (quest’ultimo, in lui, pressoché assente), affinché si riconciliassero e passeggiassero insieme. Ma il fanciullo aveva avuto sempre la meglio. Aveva, infine (passo decisivo), compreso che il suo malessere esistenziale derivava da un bisogno inespresso di esplorare le contrade del mondo dello spirito, le città invisibili: un mal-essere che solo un rivolgimento completo del suo essere, una metànoia, avrebbe potuto dissolvere.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog