Magazine Informatica

Fitbit e Garmin accusate di violazione di brevetto da Philips

Creato il 13 gennaio 2020 da Paolo Dolci @androidblogit
Fitbit Versa 2 Fitbit OS 4.1

La tecnologia moderna è talmente complessa che è impossibile realizzare qualcosa senza prima dover attingere alle conoscenze altrui attraverso l’utilizzo di brevetti. Nella maggior parte dei casi le aziende pagano delle royalties ai detentori del brevetto ma capita che, in alcuni casi, alcune aziende utilizzino tale tecnologia non pensando che infranga un qualche brevetto già depositato. È ad esempio quello che è accaduto sia con Fitbit che con Garmin.

Alla fine della scorsa settimana, la Commissione commerciale internazionale degli Stati Uniti (USITC) ha votato per sottoporre a un’indagine diverse società tra cui Fitbit e Garmin per presunta violazione di brevetti.

L’inchiesta fa seguito a una denuncia contro tali società e altre tre presentate all’USITC il 10 dicembre dalle divisioni nordamericane e olandesi di Philips. Secondo un comunicato rilasciato dall’USITC, la denuncia sostiene che le società accusate, tra cui Fitbit e Garmin, hanno “commesso violazioni della sezione 337 del Tariff Act del 1930 nell’importazione negli Stati Uniti e nella vendita di alcuni dispositivi di monitoraggio indossabili, sistemi e loro componenti che violano i brevetti fatti valere dai denuncianti. I denuncianti chiedono all’USITC di emettere un ordine di esclusione limitato (divieto di vendita) e cessare la produzione ulteriore. “

Il caso sarà consegnato a uno dei giudici di diritto amministrativo della Commissione commerciale internazionale degli Stati Uniti (ALJ). Quest’ultimo sarà quello che deciderà quando si terranno le audizioni. I brevetti presumibilmente utilizzati illegalmente Fitbit e Garmin sono correlati al rilevamento delle attività, alla segnalazione di allarmi e ad altre funzionalità.

––’

Da parte sua, Fitbit nega le accuse affermando: “Riteniamo che queste affermazioni siano prive di merito e il risultato del fallimento di Philips nel successo nel mercato dei dispositivi indossabili“.

Philips afferma che era stato in trattative con Fitbit e Garmin per concedere in licenza la proprietà intellettuale da oltre tre anni, ma non è stato possibile raggiungere un accordo. In una dichiarazione, Philips ha dichiarato che “si aspetta che terzi rispettino la proprietà intellettuale di Philips allo stesso modo in cui Philips rispetta i diritti di proprietà intellettuale di terzi“.

Ricordiamo che Alphabet, la holding che ha le mani su Google, sta aspettando il closing della trattativa per acquisire Fitbit per 2,1 miliardi di dollari.

VIA  FONTE

2020-01-13

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog