Magazine Cucina

Food delivery, troppe irregolarità: a Verona parte l’operazione “Pizza sicura”

Da Giulioplay @ricettenonna
Ricette » Ultime ricette » Food delivery, troppe irregolarità: a Verona parte l’operazione “Pizza sicura”

A Verona è scattata l’operazione Pizza Sicura. Nel mirino della Polizia Municipale del capoluogo di provincia veneto sono finiti i rider che effettuano le consegne di cibo a domicilio senza rispettare le regole, in particolare del Codice della Strada.

Il tutto dopo la denuncia presentata dal quotidiano Repubblica, che ha messo in luce le irregolarità commesse quotidianamente da alcuni rider di Verona. Di seguito i primi effetti dell’operazione Pizza Sicura lanciata dalla Polizia Municipale della Città degli Innamorati.

Pizza Sicura Verona

Operazione Pizza Sicura: 33 fattorini fermati, il 60% sanzionato

Nei giorni scorsi le pattuglie della Polizia Municipale di Verona hanno fermato 33 fattorini mentre erano intenti a eseguire le consegne di cibo a domicilio.

Impressiona il dato delle persone sanzionate: il 60%. Ciò significa che su 33 controlli, si sono rese necessarie 20 sanzioni. La più alta è stata comminata a un giovane cittadino originario del Pakistan, che ha ricevuto una pena pecuniaria di 5 mila euro per non aver mai conseguito la patente (oltre al fermo del veicolo, privo di revisione, per 90 giorni).

Le irregolarità più frequenti tra i riders

La mancata revisione del veicolo è tra le irregolarità più frequenti di cui i riders si macchiano una volta che vengono fermati dalla Polizia Municipale. In diversi casi, inoltre, i poliziotti accertano il mancato pagamento dell’assicurazione del veicolo, che equivale a circolare senza polizza assicurativa (con tutti i rischi che ne conseguono in caso di un incidente stradale).

Chi usa cicli e motocicli incappa poi nel classico passaggio con il semaforo rosso. Sui venti riders sanzionati negli ultimi giorni, quattro di loro era passati nonostante il semaforo fosse ancora rosso. Altri due sono invece stati sorpresi viaggiare contromano.

L’episodio che però si è verificato più volte ha per protagonisti i fattorini in bicicletta: in sei sono stati fermati e sanzionati perché non avevano montato l’apparecchio di illuminazione. Immancabile, infine, la sanzione per guida di veicolo e contemporaneo uso dello smartphone.

Sanzioni non repressive

Il comandante della Polizia Municipale di Verona ci ha tenuto a precisare che l’operazione Pizza Sicura e le sanzioni conseguenti ai primi controlli serali effettuati nelle aree di principale interesse dei fattorini 2.0 non siano repressive ma abbiano il fine di tutelare gli stessi lavoratori e gli altri automobilisti.

Decreto Riders, le nuove tutele per il Food Delivery

Inoltre, il numero uno della Polizia Municipale scaligera ha ricordato in occasione di una conferenza stampa che dallo scorso 3 novembre è entrato ufficialmente in vigore il decreto riders, che offre per la prima volta tutele assicurative, rimborsi spese e il minimo orario garantito. A confermare la conversione del decreto legge a inizio novembre era stato anche l’ex ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio, provvedimento a cui aveva lavorato personalmente prima della caduta del precedente governo con la Lega Nord dell’ex vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini.

E’ uscito il libro di Ricette della Nonna

Food delivery, troppe irregolarità: a Verona parte l’operazione “Pizza sicura” Acquistalo su Amazon ad un prezzo incredibile

500 tra le ricette più belle di Nonna da conservare finalmente nella tua libreria. Lo potete trovare in libreria e nei maggiori portali di ecommerce in formato elettronico oppure in copertina rigida.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog