Magazine Informazione regionale

Foto. Il delirio dei tifosi a Capodichino lascia segni: spazzatura e siepi distrutte

Creato il 23 aprile 2018 da Vesuviolive
Foto. Il delirio dei tifosi a Capodichino lascia segni: spazzatura e siepi distrutte

Foto di Paolo Parente

Gioia, emozione, il Napoli e i napoletani ci credono ancora, il sogno può ancora avverarsi, per questo i tifosi hanno voluto far sentire il proprio sostegno alla squadra attendendoli all’aeroporto di Capodichino questa notte. Oltre 10mila tifosi hanno accolto il pullmann del Napoli, un’accoglienza che ha sbalordito molto i giocatori del Napoli.

Non sono mancati però i disagi e le polemiche per ciò che non ha funzionato e non funziona nella città partenopea. Dopo il delirio della città ieri sera, oggi si fa i conti con i danni e gli strascichi negativi. Stamattina l’Anm mentre omaggiava il Napoli con le tabelle delle fermate degli autobus, dall’altro lato recava danni agli utenti con l’ennesimo blocco della Linea 1  della metropolitana per un guasto.

A Capodichino invece si contano danni alle siepi e tanti rifiuti lasciati per terra senza che nessuno abbia pulito. Chi stamattina atterrava a Napoli o partiva da Napoli si trovava di fronte a immagini poco edificanti per una città che nel calcio ieri ha dato esempio di grande coraggio e grinta ma che nella vita reale poco si da da fare, come mostrano alcune foto di un nostro lettore.

Foto. Il delirio dei tifosi a Capodichino lascia segni: spazzatura e siepi distrutte

Foto di Paolo Parente

Foto. Il delirio dei tifosi a Capodichino lascia segni: spazzatura e siepi distrutte

Foto di Paolo Parente

Foto. Il delirio dei tifosi a Capodichino lascia segni: spazzatura e siepi distrutte

Foto di Paolo Parente

Foto. Il delirio dei tifosi a Capodichino lascia segni: spazzatura e siepi distrutte

Foto di Paolo Parente

L'articolo Foto. Il delirio dei tifosi a Capodichino lascia segni: spazzatura e siepi distrutte proviene da Vesuvio Live.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :