Magazine Sport

FP2: Lewis Hamilton rimane al comando nonostante la pioggia

Creato il 19 ottobre 2018 da Il Blog Dello Sportivo @blogdsportivo

Lewis Hamilton precede Gasly e Verstappen

La prima sessione di Libere ad Austin non era stata particolarmente produttiva, ma ancora meno si può dire delle Libere 2, spese per metà tempo ai box. Una pioggia battente ha infatti accompagnato gran parte dei 90 minuti a disposizione, e un po’ di azione si è avuta solamente nelle fasi finali. Dopo quarantacinque minuti dal via, il primo a testare l’asfalto è Hartley con la sua Toro Rosso, e un bel paio di gomme full wet.

Il neozelandese stampa un “lento” 1:58.77. A poco a poco anche gli altri piloti lasciano i box: Raikkonen si mette davanti in 1:53.443, mentre le due Williams si aggiungono alla breve lista dei cronometrati. Il tempo scorre veloce e, quando mancano ormai solo una ventina di minuti alla bandiera a scacchi, l’azione in pista comincia a farsi più intensa: Gasly si mette a dettare il passo in 1:52.29, per scendere poi a 1:52.75.

Sirotkin è il primo ad azzardare le intermedie, seguito via via da tutti gli altri. Alle spalle del francese della Toro Rosso si accodano Raikkonen, Hartley, Stroll, Vandoorne, Ericsson, Leclerc, Vettel, Sirotkin. Hulkenberg si inserisce in seconda posizione, mentre Hamilton lascia i box per la prima volta questo pomeriggio: il britannico replica e si porta in testa in 1:48.71, chiudendo al comando anche la seconda sessione di Libere, seguito da Gasly e Verstappen.

PROVE LIBERE 2:
1. Lewis Hamilton Mercedes 1:48.71
2. Pierre Gasly Toro Rosso +1.01
3. Max Verstappen Red Bull +1.08
4. Fernando Alonso McLaren +3.01
5. Nico Hulkenberg Renault Sport +3.49
6. Brendon Hartley Toro Rosso +3.78
7. Marcus Ericsson Sauber +4.35
8. Stoffel Vandoorne McLaren +4.63
9. Kimi Raikkonen Ferrari +4.72
10. Sebastian Vettel Ferrari +5.19

It’s been one wet Friday @COTA 🇺🇸📸

Excited to see what Saturday brings! pic.twitter.com/NdSOohc7XM

— Mercedes-AMG F1 (@MercedesAMGF1) 20 ottobre 2018


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :