Magazine Informazione regionale

Francesco Torrisi: Matrimonio gay? Meglio chiamarlo Contratto civile e lasciare ai cattolici il loro sacramento

Creato il 23 settembre 2012 da Cremonademocratica @paolozignani

davvero io credo che tutto il bailamme derivi dall’aver tirato in ballo la parola MATRIMONIO !
Si perchè per i cattolici il matrimonio è un sacramento (ops, pardon: un Sacramento, se no si corre il rischio di fraintendere! Si dice, no, nella vulgata: l’è ‘n sacrament!!!) e quindi gli italianuzzi che cattolici lo sono per tradizione inveterata, e ci hanno pure a Roma il Papa e il Vaticano, e che magari gli altri Sacramenti nemmeno li rispettano e nemmeno se li ricordano, si inalberano, si ergono a difensori della fede, si inciliciano e…….. diventano tutti degli “Orazi”!
Allora, il matrimonio lasciamolo pure stare in beata pace, lo pratichino i Cattolici, per i quali è un Sacramento (che, quando è il caso, tanto c’è la Sacra Rota et similia) e per gli altri, per i quali è un “contratto tra persone adulte e consenzienti”, che lo sia, un Contratto tra persone adulte e consenzienti, registrato e con le conseguenze civili che ne conseguono!
O no?

Francesco Torrisi

0.000000 0.000000

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog