Magazine Musica

Fred Neil - S/t

Creato il 05 aprile 2016 da Tonypop
Fred Neil - S/t
Capitol Records -T2665 -12/66
  1. The Dolphins
  2. I've Got A Secret (Didn't We Shake Sugaree)
  3. That's The Bag I'm In
  4. Badi-da
  5. Faretheewell (Fred's Tune)
  6. Everybody's Talkin'
  7. Everything Happens
  8. Sweet Cocaine
  9. Green Rocky Road
  10. Cynicrustpetefredjohn Raga

Fred Neil è stato uno dei pionieri del movimento folk di metà anni sessanta e uno dei cantautori migliori del ventesimo secolo. Le sue canzoni sono state incise da decine di altri gruppi e cantanti e viene considerato giustamente un artista fondamentale per l’evoluzione della musica folk americana. Nato nel 1937 in Ohio, ma cresciuto in Florida, si trasferisce giovanissimo a New York ed inizia a comporre canzoni, tra cui brani per Roy Orbinson e Buddy Holly. Diventa ad inizio anni sessanta uno dei protagonisti del movimento folk di New York suonando al Cafè Wha? insieme a Karen Dalton, Dino Valenti e diventando una delle attrazioni della nuova scena newyorkese. La sua prima testimonianza su disco è in collaborazione con Vince Martin, insieme pubblicano per l’Elektra nel 1964 l’lp “Tear down the wall”. L’anno dopo nel 1965 è la volta del suo primo disco da solo “Bleckeer and Mac Dougal” che inizia a mettere insieme folk e blues. Buon riscontro tra gli appassionati ed un ottimo album. L’anno successivo il 1966 pubblica “Fred Neil” album che inizialmente passa inosservato, ma che contiene la celeberrima “Everybody’s Talkin’” che tre anni dopo nella versione di Henry Nillson (più melodica e con un arrangiamento leggermente più country)  fu inserita nella colonna sonora  di “Un uomo da marciapiede” film con Jon Voight e Dustin Hoffman, raggiungendo le vette delle classifiche mondiali. Ovviamente il disco di Fred Neil venne ristampato (re intitolato anche "Everybody’s talkin’", ed è il caso della mia versione in vinile) dando il giusto riconoscimento ad un grande artista . “Fred Neil” però non è solo “Everybody’s talkin’”, è un disco dove Neil accompagnato da un ottima band utilizza sia strumenti  elettrici che folk (il bouzuki ad esempio) ed è un perfetto esempio di rock e musica folk che si accoppiano alla perfezione. La backing  band è formata da Cyrus Faryar (chitarra e bouzuki), – Rusty Faryar (percussioni), John T. Forsha e Peter Child alle chitarre, Al Wilson arpa e Billy Mundi batteria e percussioni. Il brano di apertura "Dolphin" è una stupenda canzone d'autore , ripresa poi anche da Tim Buckley, e"That's the bag in me" è un altro grandisso brano, un perfetto talking blues riempito dal armonica.
Da segnalare le versioni dei HP Lovercraft e dei Fabs (chi si ricorda Back From the Grave volume3 ??).
Il blues è ancora il riferimento principale in "Sweet Cocaine" e in "Everything happens", mentre un accenno di pop fa capolino in "Badi -da".
Altro ottimo brano è  "Green Rocky Road" ,dove le influenze country e un bel fingerpickin' rendono il brano molto gradevole.
Infine si chiude con un pezzo grandioso, una vera jam ed un ottimo esempio di psychedelia o acid folk o raga rock chiamatelo come volete: "Cynicrustpetefredjohn Raga" dal nome dei musicisti.
Il successo del film "Un uomo da marciapiede" rilanciò la carriera di Neil, che però ufficialmente pubblicò solo un altro disco nel 1971 :"Other side of this life", per poi ritirarsi - salvo sporadiche apparizioni - a vita privata occupandosi di biologia marina e di delfini in Florida.
I suoi brani sono stati coverizzati oltre dai già citati Tim Buckley, Hp Lovercraft anche da Evan Dando, Gram Parsons, Linda Ronstadt, Jefferson Airplane, Willie Nelson, Billy Bragg, Ty Seagall ed Al Wilson
Un grande artista, purtroppo scomparso nel 2001, fondamentale per la musica folk e la canzone d'autore americana.

Fred Neil - S/t

Foto della label della mia copia in viniledi Fred Neil, stampa di inizio anni settanta  (con la labale gialla a scritta rossa di quegli anni), gia reintitolata "Everybody's Talkin'"

Fred Neil - "That's the bag I'm in" (sample)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine