Magazine Diario personale

G-Astronomia: ovvero, basta uscire fuori un metro dall'Italia e il cibo e' anniluce differente

Creato il 16 ottobre 2013 da Valeskywalker @valeskywalker
G-Astronomia: ovvero, basta uscire fuori un metro dall'Italia e il cibo e' anniluce differente Non e' che uno non lo sappia, che quando lasci l'Italia, ti attacchi su una enorme quantita' di cose buone da mangiare e da bere, e ti ritrovi a sentire l'ovvia mancanza di stracchino e vino novello, ma anche quella meno ovvia della fecola di patate e del pane degli angeli, della salvia fresca e dello sciroppo di menta e cosi' via.
Lo sai, lo accetti intellettualmente, ma la tua pancia non plachera' mai la sua nostalgia.
Qui la bella stagione e' conclusa,  le persone che vendevano agli angoli delle strade more e uvaspina e lamponi ora vendono patate, funghi sottaceto e cetrioli sottoaceto, al mercato si trova frutta cosi' dura  da poter essere scolpita con le sgorbie piu' che masticata coi denti. Aspetto l'arrivo di arance e mandarini e nel frattempo tiro dritto di fronte a tutte quelle miriadi di varieta' di cavoli, che io il cavolo non lo mangio.
Naturalmente possiamo riempirci di acqua masticando pomodori olandesi ma se mi capita di vedere un mazzo di ravanelli me lo vado a conquistare correndo, di questi tempi.
Pare che prima della seconda guerra mondiale arrivasse tutti i giorni il pesce fresco dal Mar Nero e dall'Adriatico, attualmente per trovare qualcosa piu' del trittico salmone - trota - dorsz (la versione baltica dell'orata), si deve aver la fortuna di acchiappare un'orata che per sbaglio i francesi hanno spedito all' Auchan di qui. Ah, c'e' anche l'aggiunta nel surgelato dei filetti di Tilapia e Panga, ma io non mi fido.
Io non mangio tantissima carne ma tendevo alla varieta', soprattutto nei tagli e nelle preparazioni. Il Manzo italiano e' suddiviso in 26 tagli, quello francese in 33, quello polacco in 14. Considerando questo e le mie difficolta' di comunicazione, quando vado in macelleria vedo davanti a me un enorme pezzo di bestia e va completamente a fortuna che la parte che affettino per me sia carne da scaloppina o da spezzatino o da brasato o da arrosto ( in Italia le carni da scaloppina sono Noce e Magatello, che in Polonia insieme a Geretto, Rosa, Pesce, Fetta di Mezzo e Spinacino fanno tutti parte dell' Udziec, oppure sempre in Italia si fanno scaloppine dal Fesone di Spalla, che in Polonia insieme a Fusello, Cappello del Prete e Brione fan tutti parte del Łopatka)
Qui ulteriori manzocomparazioni nel resto del mondo.
E percio' ultimamente mi sogno le scaloppine la notte. I saltimbocca prosciutto e salvia.  Le scaloppine al marsala, al madera, al porto. La scaloppina alla valdostana. La scaloppina alla pizzaiola. La scaloppina qualsiasi.
Vitello non pervenuto.
Per quanto riguarda il formaggio, anche qui come ovunque nel mondo si consuma il dramma  dell'expat in crisi da mancanza di stracchino, a cui si aggiungequello di mancanza della ricotta.La mozzarella galbani arriva, la ricotta no. Ho ordinato la ricotta sul sito di tesco e oggi quando e' arrivata ho scoperto che e' creamy and milk with a hint of lemon for  delicious pasta sauce and cheesecakes.

G-Astronomia: ovvero, basta uscire fuori un metro dall'Italia e il cibo e' anniluce differente

wtf

Si saranno detti 'sti inglesi al pub: se esiste la crema di limoncello, why not limoncellare la ricotta. E poi mandiamola anche ai polacchi, che a loro il limoncello piace.
Il vino e' stracaro: per fortuna siamo ancora pieni in cantina delle scorte francoitaliche fatte pochi giorni prima del trasloco.
C'e' anche meno varieta' di paste secche e fresche (quante volte i cartoni di pasta hanno le scritte in greco o tedesco o francese,non si capisce mai per quale motivo siano arrivate qui e la volta dopo sullo stesso scaffale ne ritrovi altre, non le stesse), e come in tantissime altre nazioni, anche qui non esistono i biscotti come da noi, solo quelli tutto burro da te' o tutto cioccolato ...percio' quando finisco l'incubo da mancanza di stracchino e quello da mancanza di scaloppina, mi arriva quello da mancanza di tutto quello che e' mulinobiancomente concepibile.
E non riuscivo nemmeno a trovare i cubetti per far la carbonara.
Insomma, dopo sei mesi la mia fantasia in cucina e' terminata, con gli elementi che ho a disposizione posso produrre meta' del mio repertorio e con la fine della bella stagione anche di meno: tutta la famiglia e' condannata a mangiare sempre le stesse cose fino al disgelo.
Ciononostante, la mia pancia non si e' arresa e ha comunicato su ai piani alti , ma che diamine, prova ad andare alla lidl, che tutti i lidl del mondo hanno i cubetti per fare la carbonara, che come tutti sanno e' un piatto tipico tedesco (si prendono i cubetti di pancetta, la panna, l'aglio, si fa cuocere la pasta 20 minuti etc...)
E fu cosi' che al Lidl li vidi e li acchiappai con ferocia, non 1, ma 4 confezioni di cubetti.
E  trovai anche i biscotti frollini tarocchi made in italy, e i fruttoli tarocchi  x le bimbe, il grana padano dop,  il prosecco doc a un prezzo umano, i pelati made in salerno e pure i pains au chocolat scongelati e cotti da loro
Canticchiavo garrula tra me e me, spingendo davanti il carrellone gigante  e portandomi dietro appesa Meraviglia.
E persa ormai la testa di fronte a cotale quantita' di confezioni di vecchia conoscenza, esclamai un EEEEUUH CHE FIGO! di fronte al banco dei surgelati dove ammiccavano ripieni di surgelate calorie questi:

G-Astronomia: ovvero, basta uscire fuori un metro dall'Italia e il cibo e' anniluce differente

cose che 10 anni non avrei mai detto

Alla cassa mi sono accorta che la meta' dei clienti erano stranieri, perlopiu' tedeschi e francesi. Avevano anche loro preso i cubetti della carbonara.
Pagato, riposto tutto nel carrellone,  ho tirato giu' le  terza e quarta ruota e sono volata via al tram, nello stupore delle babcie col carrello biruota che non hanno avuto le forze di dirmi nulla, tanto erano evidentemente travolte dall'invidia per il mio mezzo!
Ps. sei expat quando ti arrendi e piazzi nel tuo freezer la pizza del dr. Oetker

G-Astronomia: ovvero, basta uscire fuori un metro dall'Italia e il cibo e' anniluce differente

cose che 10 anni fa non avrei mai detto




Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog