Magazine Solidarietà

Gambia: un esempio per il futuro?

Creato il 01 febbraio 2017 da Gianfrancodv @Gdv1964
Gambia: un esempio per il futuro?Quel che è accaduto nel minuscolo stato africano (il più piccolo stato del continente, escluse le isole, il 167° nel mondo, con poco meno di 2 milioni di abitanti) deve indurre tutti noi a qualche riflessione. La storia non necessariamente deve ripetersi e non sempre è prevedibile. Quando il 1 dicembre 2016 le urne decretarono la vittoria del candidato dell'opposizione Adama Barrow vi furono da prima dei sentimenti di incredulità - non accade facilmente che l'opposizione vinca contro un dittatore africano che da oltre 20 anni governa un paese -poi, di cauto ottimismo quando Jammeh accettò la sconfitta e infine di paura, quando i timori che si sarebbe rimangiato la parola data risultarono evidenti.Certo bisogna anche essere onesti. Nello scacchiere geopolitico il Gambia non conta nulla e se non fosse stato per un insolito aumento di richiedenti asilo provenienti da quel paese, molti non avrebbero nemmeno saputo collocare il paese in un'area approssimativa del continente.
Ma, la grande differenza è che questa volta, la comunità africana non è stata ad osservare o a lanciare degli inutili proclami di lesa democrazia. La Cedeao (Comunità Francese degli Stati dell'Africa Occidentale) ha in breve tempo allestito un esercito che si è ammassato alle frontiere pronto a proteggere la transizione democratica e il giuramento del neo-presidente Barrow.
Certo bisogna essere anche qui onesti. La Gambia è un enclave del Senegal (che ha fornito la stragrande maggioranza dei militari) e bloccare le frontiere è un gioco da ragazzi.
Resta però altissimo il valore simbolico.
La Cedeao ha fatto quello che l'Unione Africana non poteva fare. Troppi sono i capi di stato che in ogni parte del continente da anni gestiscono il potere in modo autoritario e senza barlumi di democrazia (vedi il post di Sancara, Attaccati al potere 2016).
L'azione militare, assieme alle consuete pressioni delle cancellerie occidentali, ha costretto Yahya Jammeh a trattare. Naturalmente ha trattato una resa "onorevole" per se e per la sua ampia famiglia.
Gambia: un esempio per il futuro?La Guinea Equatoriale che lo accoglie, oltre ad essere un paese nelle stesse condizioni del Gambia (Teodoro Obiang Nguema, è il settimo leader del mondo che da più tempo è alla guida di un paese, dal 1979) è anche un paese che non ha aderito alla Corte Penale Internazionale. Quest'ultimo dettaglio permette a Jammeh di non incorrere nel rischio di essere accusato e giudicato per i crimini commessi durante il suo mandato.
Certo è che la Gambia ha pagato anche un altro enorme prezzo alla fuga del suo dittatore, quel 1% del PIL (circa 11-12 milioni di dollari) che sono volati assieme alle auto di lusso verso l'esilio. Un prezzo che per il paese non è certo piccolo ma, che per ora allontana lo spauracchio di una guerra civile.
Il futuro è ancora incerto. Barrow, un imprenditore di 51 anni, ha vinto non tanto per suoi meriti (per qualcuno si tratta di uno sconosciuto prestato alla politica) tanto per il voto contro Jammeh. Dovrà dimostrare sul campo di fare delle politiche diverse, da mussulmano di non opprimere le minoranze, di cambiare alcuni provvedimenti di Jammeh che accentravano il potere sul presidente, di dare un senso allo sviluppo del Paese e di essere capace di far ritornare in patria quei molti che hanno deciso, per paura, di abbandonare la Gambia.
Ricordo bene quando il 22 luglio 1994quando il giovanissimo Jammeh prese il potere in Gambia. La gente lo acclamava. Come primo provvedimento fece aprire tutti i rubinetti pubblici dell'acqua chiusi da una società tedesca (a cui il governo aveva "venduto" l'acqua) perchè nessuno pagava le bollette!
Poi con il tempo le cose sono cambiate e Jahya si è rivelato essere un dittatore amante del potere e sprezzante dei diritti. L'uomo che aveva promesso un rapido ritorno alle urne per ridare potere ai civili l'ha poi mantenuto per 22 anni, censurando la stampa, discriminando gli omosessuali, ripristinando l'uso della pena di morte, sposando posizioni radicali islamiche e aprendo le porte alla fuga di molti giovani.
Il futuro si sta scrivendo in queste ore,  quel che conta è che vi sia stato un forte segnale da parte dell'Africa e questo non è poca cosa.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine