Magazine Politica

Geopolitica Vol. V No. 2 – L’Iran dopo le Sanzioni: Energia, Giovani, Islam, Modernità, e Crisi Regionale

Creato il 19 gennaio 2017 da Geopoliticarivista @GeopoliticaR

La Repubblica Islamica dell’Iran è il paese con le maggiori riserve cumulate di gas e petrolio; è l’unica repubblica costituzionale frutto di un processo rivoluzionario di matrice islamica di successo del mondo contemporaneo; ha la popolazione giovanile con il miglior livello di educazione del Vicino Oriente e più della metà di tale popolazione giovane ed educata è costituita da donne.

L’Iran e i suoi Guardiani (Pasdaran) passano da un successo all’altro nei conflitti armati dell’area: Libano, Iraq, Siria, Yemen. Lo scontro con l’Arabia Saudita si acuisce, sebbene ciò sia dovuto al susseguirsi delle débâcle strategico-militari e alla crisi economica e strutturale dei sauditi, e non a un’opposizione innata e insanabile fra sunniti e shi‘iti; separati sì da differenze reali e complesse, ma che convivono da sempre come “gemelli diversi” e non da separati in casa.

Dopo essere stato il primo paese del Vicino Oriente a essere teatro di una Rivoluzione costituzionalista (1905-11), della scoperta (1908) e nazionalizzazione del petrolio (1953), del primo colpo di stato organizzato dalla CIA (1958), della Rivoluzione islamica (1979) e della più lunga guerra del XX secolo (Iraq-Iran, 1980-1988), l’Iran ora cerca a fatica di trovare una propria posizione nella geopolitica e nelle relazioni internazionali del XXI secolo.

Se la fine delle sanzioni dovesse concretizzarsi e condurre a un pieno reinserimento del paese nel consesso delle nazioni, ciò equivarrebbe a un cambiamento di portata simile alla fine della Guerra Fredda o all’ascesa della Cina. Su tutti gli scenari l’Iran – oggi paese nucleare riconosciuto – gioca la sua partita da protagonista.

Numero a cura dI – Raffaele Mauriello, Biancamaria Scarcia Amoretti


INDICE

EDITORIALE

  • Impero, shi‘ismo e iranismo: l’Iran dopo le sanzioni
    Raffaele MAURIELLO & Biancamaria SCARCIA AMORETTI

FOCUS

  • Did Sanctions Make Iran’s Nuclear Agreement with the P5+1 Possible?
    Ebrahim MOHSENI
  • Wahhabi Militancy, the West and the Saudi-Iran Divide: Moving Beyond the Old Status Quo
    Seyed M. MARANDI & Raffaele MAURIELLO
  • Energy Security in Iran: The Way Forward in the Post-Nuclear Era
    Giuseppe PROVENZANO
  • Economic Development in Post-Revolutionary Iran: A State-in-Society Approach
    Hamed MOUSAVI & Mohammad A. MOUSAVI
  • Iran’s Political Culture, Internal Development, and International  Environment after the End of Sanctions
    Hassan BEHESHTIPOUR & Tuomo MELASUO
  • Giovani di Bam: Storie di ordinaria vita quotidiana nella provincia di Kerman
    Sarah SCIO’

PROSPETTIVE

  • Iran e Grande Medio Oriente: tra intrecci regionali e grandi potenze
    Alberto BRADANINI
  • The Role of Economic Diplomacy in Making Iran a Developed Country
    Benedetto Francesco BALLATORE
  • Iran’s National Interests and the Geo-Strategic Imperative
    Lere AMUSAN & Samuel OYEWOLE

RECENSIONI

  • Islam and International Relations: Contributions to Theory and Practice
    Antonino PELLITTERI

ORIZZONTI

  • La cartografia geopolitica negli atlanti Putzger del primo dopoguerra
    Valerio LARCHER

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Emilia Romagna, il Piano Energetico Regionale da 245 milioni

    Emilia Romagna, Piano Energetico Regionale milioni

    Oltre 245 milioni di euro, tra risorse europee, regionali e nazionali, per le nuove strategie energetiche dell’Emilia Romagna: è questo il nuovo Piano Energetic... Leggere il seguito

    Da  Ediltecnicoit
    SOCIETÀ
  • Torna “Giovani Talenti”…

    …da sabato 10 settembre, sempre alle 13.30 (CET). Quest’anno, con con un focus ancora maggiore su come concretamente cogliere le opportunità di un mondo globale... Leggere il seguito

    Da  Fugadeitalenti
    ITALIANI NEL MONDO, SOCIETÀ
  • Ivrea il comune in crisi

    di CARLO VALENTINI Dopo Torino, Ivrea. Il Pd perde, a poco a poco, il Piemonte. Con buona pace di Piero Fassino, sindaco disarcionato dai 5stelle a Torino, e... Leggere il seguito

    Da  Caval48
    SOCIETÀ
  • L’elettore snob che vota no per snob

    La riforma non tutela i cittadini il cui cognome finisce per U, quindi voto NO. La riforma fa risparmiare 49.476.000 € annui e non 51, quindi voto NO. Leggere il seguito

    Da  Speradisole
    SOCIETÀ
  • #Referendum, Si o No?

    #Referendum,

    Una brutta campagna, quella per il Referendum. Davvero brutta. Se ne sono lette di tutti i colori. Al netto di dichiarazioni allarmistiche, se vince il Si non... Leggere il seguito

    Da  Candidonews
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • L'Italia dice no.

    L'Italia dice

    Non al referendum, che è l'argomento del giorno, anzi dei mesi, e pare non esista altro, ma ad un Trattato di messa al bando degli ordigni nucleari per il 2017. Leggere il seguito

    Da  Gianna
    SOCIETÀ
  • No.

    Siamo diventati incapaci di un gesto elementare: dire di no. Due lettere, un movimento della testa e del corpo un tempo familiare. Leggere il seguito

    Da  Francosenia
    CULTURA, OPINIONI, SOCIETÀ