Magazine Politica

Gheddafi benefattore. I profughi sono tutti in hotel a 5 stelle

Creato il 30 agosto 2010 da Massimoconsorti @massimoconsorti

Gheddafi benefattore. I profughi sono tutti in hotel a 5 stelle.

Le amazzoni di Gheddafi

Immaginiamo per un momento Joseph Ratzinger. Immaginato? Bene. Immaginiamo che il Papa decida di recarsi in viaggio ufficiale a Tripoli e che, auspice l’abilità secolare della diplomazia vaticana, riesca a radunare (a pagamento) cinquecento nerboruti giovanottoni arabi a cui predicare il Vangelo. Il discendente di San Pietro decide inoltre di portarsi appresso trenta guardie svizzere alle quali i carabinieri italiani hanno insegnato ad andare a cavallo e che, sempre le trenta guardie svizzere scorrazzino per un po’ con i colleghi libici montanti cavalli berberi per le vie e le piazze di Tripoli con la pettorina dei Crociati. Immaginiamo infine Benedetto XVI dire pubblicamente che il cattolicesimo dovrà diventare la religione di tutto il Nord Africa. Come la prenderebbe Gheddafi? Parlerebbe di folklore o invierebbe a stretto giro di tank le sue amazzoni per far secco l’infedele? Propendendo per questa seconda ipotesi, non ci spieghiamo il perché Silvio Berlusconi, uno degli “atei-devoti” secondo l'azzeccatissima definizione di Famiglia Cristiana, cerchi di spacciare per una nota di folklore quello che in effetti è un pesantissimo tentativo di coranizzazione del cattolicissimo occidente. Ma a parte qualche timido sussulto da parte dei cattolici del Pdl, e un silenzio imbarazzante delle gerarchie ecclesiastiche che parlano quando non dovrebbero per tacere quando sarebbe auspicabile si esprimessero, tutto sta filando liscio come se Gheddafi fosse il nostro vicino di casa schizofrenico che è bene non contraddire per non innervosirlo. Fedeli alla consegna del Capo che da Gheddafi "c’è solo da guadagnare", tutti gli organi di informazione (purtroppo anche quelli non filo-Berlusconi), hanno fatto a gara nel descrivere la bontà dei rapporti economici che sono alla base di tanta accoglienza. Sfruttamento dei giacimenti di petrolio, illuminazione delle città, costruzione di autostrade e palazzi, hotel di lusso e yacht principeschi sono solo una parte dei lavori che le imprese italiane (qualcuna anche del Capo in persona) hanno ottenuto dal regime dittatoriale del “CojonelloGheddafi, come lo avrebbe chiamato la diva porno-soft di qualche anno fa Nadia Cassini, famosa per essere in possesso del più bel culo del mondo. Il Cojonello, che sarà pure un tipo folcloristico tanto quanto i “rincoglioniti della P3”, ma non è affatto un fesso, ha trovato la maniera migliore per modernizzare gratis il suo paese. Ha inscenato una gazzarra della madonna per farsi pagare i danni della colonizzazione italiana (ben guardandosi dal ridare una lira a quegli italiani che in Libia ci hanno lasciato tutto) per poi, una volta accordatosi sui 5 miliardi di euro, fare il magnanimo e assegnare alle imprese italiane commesse appetitosissime. Per farla breve, chi pagherà le imprese italiane per ammodernare la Libia sarà l’Italia che almeno non avrà rimborsato a fondo perduto quanto richiesto da “Mohamed”, come continua a chiamarlo Berlusconi incapace di pronunciare “Muammar”, Gheddafi. E così, grazie al fatto che pecunia non olet, l’ex mandante della strage di Lockerbie, l’ex “attenzionato” dalla Cia che provò in tutti i modi di farlo secco, l’ex bombardatore delle isole dell’arcipelago siculo, oggi può tranquillamente venire a Roma accolto dal genio della politica internazionale che si chiama Frattini, piantare le sue tende dove meglio gli aggrada e parlare di Islam come un missionario un po’ suonato fa a Central Park. Il Pd, sommessamente, timidamente, con un filo di voce che nessuno ha sentito tanto era flebile, ha provato a chiedere al Cojonello lo stato dei centri di “accoglienza” libici, quelli in cui finiscono i disperati che cercano di raggiungere l’Europa. Ci piacerebbe saperlo visto che abbiamo letto e ascoltato storie che parlano di stupri, di violenze gratuite, di vendita di esseri umani, di sopraffazioni e di piccole e grandi atrocità. Da Gheddafi ovviamente nessuna risposta. Il problema è che non è a lui che occorre porre la domanda ma a Maroni, a Frattini e a Berlusconi che quei centri hanno finanziato e finanziano e a Prodi che li ha voluti. Stasera Silvio offrirà una cena in onore del Cojonello con 800 inviati. Nel menù birra e salsicce di etiope così, tanto per non perdere l’abitudine.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Gheddafi Show

    Gheddafi Show

    Passi la prima volta, ma cavoli qui siamo recidivi!!!Ancora una volta arriva in Italia Gheddafi e tra cavalli, amazzoni e centinaia di hostess italiane fa il su... Leggere il seguito

    Da  Annanihil
    ATTUALITÀ, POLITICA, SOCIETÀ
  • Gheddafi: un poker in tre

    Gheddafi: poker

    Gheddafi e Berlusconi Gli italiani, vescovi e cardinali compresi, non hanno saputo che pesci pigliare in questi giorni aggrediti come sono stati dai fumi... Leggere il seguito

    Da  Casarrubea
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Gheddafi: la Libia più italiana o l'Italia più libica?

    Gheddafi: Libia italiana l'Italia libica?

    Che desolazione. Dopo il Gheddafi show mi chiedo se sia la Libia diventata più occidentale, grazie all'ospitalità interessata (per via degli affari) dell'Italia... Leggere il seguito

    Da  Marcotoresini
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Rimbalza il clandestino con Gheddafi

    Pace fatta con l’amico Gheddafi. Bombarda un motopeschereccio italiano, ma porge subito le sue scuse. Roberto Maroni ci spiega che Quello che è successo... Leggere il seguito

    Da  Stiven1986
    ATTUALITÀ, POLITICA, SOCIETÀ
  • Gheddafi ci mitraglia...ma è un errore

    Gheddafi mitraglia...ma errore

    il motopesca Ariete, mitragliato dai libici (foto da il Messaggero.it)Una motovedetta libica spara su un peschereccio italiano. Qual'è la novità? Sono decenni... Leggere il seguito

    Da  Paplaca
    POLITICA, SOCIETÀ
  • I mandanti

    E per fortuna che non si deve strumentalizzare l'aggressione a Capezzone."Esprimiamo una totale solidarietà a Daniele Capezzone e rileviamo - dice il... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • I rottamatori

    Alla fine dei giochi pare proprio che anche questo Governo finirà il suo corso prima della fine della scadenza del suo regolare mandato. Leggere il seguito

    Da  Babilonia
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ