Magazine Cultura

Ghost Stories... e voi ci credete nei fantasmi?

Creato il 03 maggio 2018 da Federica Forlini
Ghost Stories... e voi ci credete nei fantasmi?Un talentuoso detective del paranormale nonché docente di psicologia, Philip Goodman, intenzionato a smascherare i sensitivi fasulli è all'opera. Tremate gente, tremate!Egli riceve una lettera che lo chiama a risolvere tre casi molto molto misteriosi... ne vedremo delle belle. Interpretazioni sensazionali, come anche quella di Andy Nyman che però trovo venga a un certo punto oscurata da quella di Martin Freeman e Alex Lawther, che lasciano di stucco, sono sensazionali.
Il caro vecchio Martin l'abbiamo visto ovunque, è inutile rifilarvi una lista immensa di film. Divertente, accattivante, qui  in aggiunta a tutto il pacchetto, ci mostra un lato molto folle e inquietante. Il suo stile recitativo improntato sulla buona parlantina e i modi di fare scenico/teatrali, lo portano in scioltezza a condurci verso situazioni che ci lasceranno a bocca aperta... ma lui nel frattempo non si è spettinato nemmeno un capello. È puntiglioso, millimetrico, mai un gesto azzardato o una parola di troppo e così facendo tiene in piedi gran parte del film.
Alex lo abbiamo conosciuto in "The Imitation Game" e in "The End of the F***ing World", qui ci guida nella seconda storia in un modo tutto suo. Questo ragazzo farà strada, credo che piano piano conquisterà il mondo e tutti i ruoli da psicopatico che potranno mai assegnare a qualcuno da qui ai prossimi 40 anni. Ha un talento innato nell'interpretare personaggi in qualche modo disturbati, che nemmeno rende allo stesso modo, ma di volta in volta caratterizza a seconda del ruolo. Alex Lawther sul set non è uno: è tanti. Potrebbe interpretare vostro cugino (se al cugino piace ammazzare la gente o fare cose strane) e voi non notereste differenza alcuna. In "The End of the F***ing World" lo avevamo già scoperto nel ruolo di un giovane problematico, ma non lo è mai come in questo film, in cui rende tutt'altro tipo di disturbo con una mimica facciale da brividi. Non sottovalutate "Ghost Stories", perché colpisce a tradimento. Le tre vicende sono una più inquietante dell'altra e il finale vi lascerà semplicemente di stucco in tutti i sensi. Tra l'altro scorgo raramente negli horror un finale ben definito laddove nel mezzo della narrazione non si capisca cosa succede.
Abbiamo un'ultima parola che non è aperta, ma tuttavia non chiude il film, nel senso che è proprio a quel punto che dovremmo porci molte domande. Il paranormale si può spiegare secondo voi?
Scorreranno i titoli di coda senza aver ricevuto una risposta, come se si rimettesse la decisione di crederci o meno nelle mani dello spettatore, come se fosse un quesito troppo intimo e personale a cui non si può dare una definizione per gli altri: ciascuno è costretto a fare un lavoro su se stesso e a compiere la sua scelta.  

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog