Magazine Poesie

Gianluca D'Andrea - Forme del tempo (letture 2016 - 2018)

Da Ellisse

Gianluca D'Andrea - Forme del tempo (Letture 2016-2018) - Arcipelago Itaca 2019
Gianluca D'Andrea - Forme del tempo (Letture 2016-2018) - Arcipelago Itaca 2019
Pubblico qui alcuni brani tratti dall'ultimo lavoro di Gianluca D'Andrea, un libro singolare e assai godibile in cui l'autore collaziona versi e brani in prosa, in forma di particolare prosimetro. Particolare quanto può esserlo una personalissima wunderkammer, nella quale non tutti i versi sono suoi ma quelli che non lo sono, spesso sotto forma di citazioni di varia misura, fungono da spunto, ossatura, sostegno di "meraviglia" per le riflessioni - in forma di critica, in forma di arte, in forma di nuovi versi - con cui "si tenta una ricognizione sul presente, ma non solo, che prende avvio dalle esperienze di lettura per incrociarsi con altre esperienze, assolutamente personali, dell'autore" (D'andrea nella Premessa minima). E dove comunque - forse il tratto più interessante - "indistinto è il margine che dovrebbe separare il soggetto della percezione dalla realtà percepita e dagli strumenti che consentono l'accesso al contesto". Un "margine sfumato", anche graficamente, che caratterizza al lettore questo libro come unitario pure nei "prestiti", che appaiono come assimilati, divorati quali elementi dialettici forti dalla riflessione stessa di D'Andrea. Che non ha nulla di aforistico o frammentario, per quanto il frammento sia un genere nobilissimo, ma che esercita semmai una raffinata arte del leggere pensoso e appassionato (o del vedere, qui si parla anche di cinema, ma in modo alquanto inaspettato), lavorando soprattutto sulla profondità dei concetti che si sviluppano da quegli spunti, sulle idee anche apparentemente collaterali o trasversali (e quindi di una certa dimensione filosofica, rizomatosa) che da quella riflessione scaturiscono. La forma migliore di critica, perfino quando si scrive di sé, del proprio lavoro o semplicemente di quanta influenza la scrittura abbia o abbia avuto nella propria vita. Ne esce un libro che per così dire non si chiude, non si chiude al lettore, che da quasi ognuna delle 140 pagine può trarre spunti e suggestioni preziose da approfondire ulteriormente. (g. cerrai)

Continua a leggere "Gianluca D'Andrea - Forme del tempo (letture 2016 - 2018)"

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog