Magazine Salute e Benessere

Giobbe: il dramma è dio. il potere della routine…

Creato il 02 ottobre 2019 da Nike

GIOBBE: IL DRAMMA È DIO. IL POTERE DELLA ROUTINE…

GIOBBE: IL DRAMMA È DIO.

IL POTERE DELLA ROUTINE...

Il potere della routine... Sì, l'abitudinarietà della vita quotidiana è tale che, quando si va fuori rotta, c'è chi si rompe il collo; ma c'è anche chi trova il collirio per vedere meglio, con occhi nuovi.

A proposito di occhi nuovi - e orecchie nuove - ecco una citazione, di matrice junghiana, tratta dalla mia tesi in un corso di teologia: vocatus atque non vocatus Deus aderit ("chiamato o non chiamato, Dio sarà presente.").

Bene, penso che l'argomento, preso in God mode (modalità Dio) o in modalità umana, aderisca allo spirito di questo blog e alla sensibilità dei suoi lettori, per cui ecco qualche spunto dall'incipit della mia tesi ("Giobbe: il dramma è Dio" - titolo provocatorio, ovviamente, ma con un suo perché).

D'altronde, anche se non si vede, sente, tocca, capisce...). E poi: in ognuno di noi c'è un Giobbe (ma c'è anche Dio, Un libro che non abbia Dio, o l'assenza di Dio, come protagonista clandestino, è privo d'interesse (Nicolás Gómez Dávila)

Consuma e si consuma, appare e scompare... (come Gesù sulla via di Emmaus). Un Dio Sì, l'ultimo atto di Dio sarà di consumarsi e sparire nella sua creazione: come il grande Eroe che esce dal talamo, che si espande nel creato per scomparire nell'abisso, dopo essersi fatto luminosità e calore anche della più umile delle sue creature. absconditus ma sempre presente: espansivo e sfuggente, scompare nell'abisso per poi ricomparire; tirato in ballo, non si sottrae alle sue responsabilità, ma si rivela nei fatti (fossero anche misfatti).

Realtà vicina, di cui abbiamo esperienza quotidiana - chiamato o non chiamato, creduto o non creduto; ma, soprattutto, Realtà Ultima: Essere, e non un essere, per dirla con Paul Tillich.

Ma chi è questo Dio, e di quale libro è protagonista, prima clandestino, poi cittadino a pieno titolo?

Facciamo esperienza del Divino in modi innumerevoli: dal timor panico, estatico, nel silenzio di una notte stellata, al canto di un uccello mattutino; dal Dio di gloria che tuona sul mare in tempesta al sottile suono di silenzio... Tutta la Bibbia, nelle sue molte voci, è impregnata di questa Essenza, ma è nei libri sapienziali che il Mistero esprime il suo lato "oscuro" (per noi) e apparentemente paradossale. E dei tre massi erratici - Giobbe, Qoèlet (Ecclesiaste), Cantico dei Cantici - voglio "fermare" il primo, lì dove il dramma è Dio. "Io grido a te, ma tu non mi rispondi, insisto, ma tu non mi dai retta. Tu sei un duro avversario verso di me e con la forza delle tue mani mi perseguiti" (Giobbe 30,20-21)

Dalla "cornice" passiamo ora al "quadro". Nel grido di Giobbe è condensato il "dramma umano", sia esso espresso in modo palese o intimo, sia esso l'urlo disperato di un credente o il grido esasperato di un agnostico: quello di Giobbe è l'appello insistente a un Dio apparentemente assente, lontano, indifferente - come tante volte assente, lontano, indifferente è chi ci dovrebbe essere vicino.

Peggio ancora, Dio sembra a Giobbe un avversario crudele e spietato, sordo a ogni richiesta di aiuto. Eppure, "è necessario che ogni persona passi attraverso questa fase di protesta e sperimenti la disperazione di sentirsi abbandonato dal Signore se desidera approdare all'incontro con lui pur vivendo ancora dolore, sofferenza, solitudine ed emarginazione." (Gianni Cappelletto, Giobbe. Incontrarsi con Dio nella sofferenza).

Quando Giacobbe si svegliò dal sonno, disse: "Certo, il SIGNORE è in questo luogo e io non lo sapevo!" (Genesi 28,16). Questa misteriosa esperienza onirica compendia un concetto che "colora" tutta la Bibbia: Si tratta di una presenza implicita o esplicita ("Isaia osa affermare: Dio è presente in cielo e sulla terra. Io, il Signore, sono stato trovato anche da quelli che non mi cercavano, mi sono manifestato anche a quelli che non mi invocavano. " (Romani 10,20), avvertita o inavvertita: "Ecco: egli mi passa vicino e io non lo vedo; mi scivola accanto e non me ne accorgo" (Giobbe 9,11).

"Ecco il grande paradosso: Dio, infinito ed eterno, si adatta e penetra in questa realtà che è così fragile, sospesa, inconsistente. Ma ecco pure la grande intuizione: dov'è Dio? Nella folgore? Nel terremoto? Nel vento impetuoso? Dio è nel "mormorio di un vento leggero" o, traducendo più esattamente, Dio è una voce di silenzio sottile. Non un silenzio che è triste assenza di suoni, ma un silenzio in cui tutte le parole si compendiano." (Gianfranco Ravasi, 2004).

"Nella Bibbia ebraica, nessun altro essere umano vien fatto oggetto di affermazioni tanto altisonanti come quelle riguardanti Giobbe, pronunciate addirittura da Dio [...] Di nessun altro viene detto che la sua condotta e il suo destino divengono oggetto di discussione fra gli esseri celesti (1,6-12; 2,1-6). Per la loro gravità e il loro accumularsi, la sventura che lo coglie e le piaghe che gli vengono inflitte rappresentano il colmo di quanto ci si immagini possa accadere a un essere umano. Per l'asprezza dei lamenti che contengono, i suoi discorsi a Dio oltrepassano tutto ciò che altrove si può trovare nella Bibbia ebraica. E nessun altro viene degnato di una risposta divina paragonabile a quella dei grandi discorsi di Dio dei capp. dal 38 al 41." (v. in Rolf Rendtorff, Teologia dell'Antico Testamento).

Nel dialogo coi suoi tre amici - e con Eliu, il predicatore di giustizia - che rappresentano le ragioni della sapienza tradizionale, Giobbe sostiene che la sofferenza del giusto costituisce una profonda ingiustizia, mentre i suoi amici lo considerano un peccatore giustamente punito. A Giobbe non rimane che appellarsi a Dio, a cui chiede conto del Suo comportamento ingiustificabile. Dio interviene, non per dare spiegazioni, ma per invitare Giobbe all'umiltà dinanzi a un problema che oltrepassa la capacità di comprensione dell'uomo. Alla fine Giobbe giunge alla vera conoscenza di Dio e, per quanto non gli sia restituito quanto perso, viene premiato in misura ancora maggiore rispetto alla sua condizione iniziale.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

A proposito dell'autore


Nike 158 condivisioni Vedi il suo profilo
Vedi il suo blog

L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo