Magazine Cultura

Giorgio “Fico” Piazza - “Autumn Shades”

Creato il 12 settembre 2019 da Athos Enrile @AthosEnrile1

Giorgio “Fico” Piazza - “Autumn Shades”

Giorgio "Fico" Piazza - "Autumn Shades"

Dal mese di luglio avevo in mano la copia di "Autumn Shades ", di Giorgio "Fico" Piazza, ma per scrivere il mio pensiero ho atteso diligentemente l'uscita ufficiale dell'album, un progetto maturato nel tempo e registrato dal vivo il 25 ottobre del 2018 agli Elfo Studios.

Il 6 settembre è la data che è stata scelta per il rilascio, in concomitanza con l'inizio del Festival Prog di Veruno: inutile dire che, almeno dal punto di vista sentimentale, non sarebbe stato male festeggiare con una presenza sul palco.

È un disco che parte da molto lontano, il cui iter ho vissuto sin dagli albori, cioè quando trovai Piazza ospite di un palco allargato per una occasione benefica creata da Paoli Siani: non so se Fico ci abbia mai pensato, ma per me " Autumn Shades " nasce in quel preciso momento.

Quel giorno lo vidi un po' spaesato, quasi spiazzato dal fatto che dopo tanti anni fosse riconosciuto dai fan e suscitasse interesse, lui, la storia della musica italiana, protagonista della semina del prog, e prima ancora della canzone importante di casa nostra, quella che passa per Battisti e prosegue in tutte le direzioni.

Eppure, quella sera a Genova, a metà ottobre 2011, la ruggine "mentale" era evidente.

Giorgio "Fico" Piazza non è un frontman, e preferisce i fatti alle parole superflue. E così, dopo aver oliato gli ingranaggi all'interno della grande "famiglia Taulino" - e qui mi prendo un po' di merito! - incomincia a proporre la sua idea di musica, e quando arriva al Teatro Manzoni di Sesto San Giovanni - siamo alla fine del 2012 - le idee sono più chiare, le mani sul manico del basso regalatogli in tempi lontani da Greg Lake incominciano a girare, e gli tocca pure parlare al pubblico.

Giorgio “Fico” Piazza - “Autumn Shades”

Sì, le cose incominciano ad andare per il verso giusto, ma qual è l'obiettivo?

Faccio un salto temporale in avanti di almeno un lustro, cioè quando Piazza riesce a costruire, con un po' di fatica, la sua band.

Giorgio “Fico” Piazza - “Autumn Shades”

Non è stato facile, pare un'impresa titanica comprendere e incasellare giovani lontani mille anni luce da un periodo che ha obiettivamente cambiato il mondo sonoro. Eppure... il materiale umano c'è, e il collante è una musica molto particolare che, chissà perché, appassiona anche le ultime generazioni di musicisti - e ascoltatori - forse attratte dalla complessità della proposta, forse amanti delle sfide, o più semplicemente stimolati da un esempio genitoriale.

L'idea è quella di proporre il top del prog italiano, vale a dire i primi due album della PFM - " Storia di un minuto" e " Per un amico ", entrambi rilasciati nel 1972 - cioè quelli in cui Giorgio ha avuto ruolo attivo.

Il risultato è scontato, perché la musica è fantastica e la band fornisce grande contributo attraverso skills personali di prima scelta.

Vedere il team al lavoro - in concerto, mi è capitato più volte - porta alla chiusura del cerchio.

Un uomo "antico", famoso, portatore di saggezza, circondato da un nugolo di giovani che seguono la partitura, con diligenza e intraprendenza, mettendoci del loro.

La missione si palesa, l'azione didattica emerge prepotentemente... non è un'ingenua sfida alla PFM... non è una nuova tribute band proposta da un artista nostalgico e i suoi seguaci... parliamo di vera musica, di insegnamento, di amore, di coinvolgimento e condivisione.

sintetizza questo pensiero nella sua " Giorgio "Fico" Piazza Ode alla Musica ":

" Ode alla Musica, che come ponte che si staglia severo attraverso l'autunno del tuo cammino ti concede un'altra possibilità di trasformare - con l'incanto delle sue note - le foglie che, simili a ombre autunnali, tornano a risplendere di infinite, scintillanti gocce di rugiada, verso una radiosa, prorompente nuova primavera ".

La musica concede ogni giorno nuove possibilità e abbatte ogni barriera, e la storia di Giorgio, lontano da essa per lungo tempo, riprende il cammino più logico, perché le passioni possono anche essere accantonate, ma prima o poi ritornano, e se le idee sono nobili, l'esperienza del passato va regalata a chiunque sia talmente virtuoso da raccoglierla.

Questo è l'esempio, l'insegnamento, la didascalia dietro ad ogni immagine che ruota nella mente, tra ricordi e attualità.

Nel disco c'è tutto questo, concetti che vanno oltre la qualità, ovvia, del contenuto.

I compagni di viaggio di Giorgio Fico Piazza (basso), sono Eric Zanoni (chitarre e voce), Riccardo Campagno e Giuseppe Perna (tastiere e voce), e Marco Fabbri alla batteria.

Ottimi musicisti, coadiuvati nel progetto in studio da Marco Colombo e Annie Barbazza, come riportato a seguire.

Giorgio “Fico” Piazza - “Autumn Shades”

Il Cd si propone in veste sontuosa, con le fotografie di Franz Soprani e la copertina la realizzata dall'artista contemporaneo Lino Budano.

Registrato da Alberto Callegari ai mitici Elfo Studios di Tavernago per un suono da dimostrazione hi-fi, una curatissima tiratura limitata stampata su cd audiofili dorati.

Giorgio “Fico” Piazza - “Autumn Shades”

Prodotto da Max Marchini, direttore artistico della Manticore Records.

Giorgio “Fico” Piazza - “Autumn Shades”

Album da avere ad ogni costo, oltre alla musica c'è un'idea precisa... non sarà difficile coglierla e diffonderla!

3. La carrozza di Hans 06:51

8. Impressioni di settembre 08:02

Bass: Giorgio Fico Piazza

Guitars and vocals: Eric Zanoni

Keyboards and vocals: Riccardo Campagno, Giuseppe Perna

Marco Colombo: lead guitar on 8, 9

Annie Barbazza: lead vocals on 8, 9

Immagini di repertorio...


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog