Magazine Salute e Benessere

Giornata internazionale della poesia

Creato il 21 marzo 2020 da Lasfinge @micamenefrega

Giornata internazionale della poesiaRicorre oggi, in questo insolito 21 marzo, la giornata internazionale della poesia: una giornata in quarantena, senza eventi e manifestazioni importanti, ma solo un passaparola virtuale tra appassionati. Coincide col giorno che segna ufficialmente l'apertura convenzionale della stagione primaverile ed apre il sipario su ogni simbolo di rinascita. Prosegue immutato il ciclo della vita con le sue fioriture ed i suoi sorrisi ed anche oggi ci rammenta che quell'ultimo acino del grappolo, quel varcare una soglia oltre la quale ogni pensiero svanisce, stemperandosi nella terra e nell'aria come polvere luminosa dileguata nel soffio dell'ultimo fiato, questo spegnersi, crudamente chiamato morire, è ancora un anello dello stesso ciclo vitale. Non si sgomenta la natura e continua ad amare con quella sua modulazione armoniosa, che soavemente apre spazi alla vita e li chiude sulla vana angoscia di chi è invece destinato a soccombere, come ogni altra creatura al suo tempo.
Per celebrare questa giornata oggi, vorrei invitare ci abbia voglia di farlo a scrivere anche pochi versi per la primavera, l'amore, la rinascita, la poesia stessa. Proverò a cominciare io naturalmente, anche se scrivere a tema non sempre è facile e non sempre riesce bene, ma... che ne dite di provarci? Scriviamo insieme una poesia  scriviamo ciascuno la propria, che sia uno sgranarsi di emozioni, che sia un canto intimo e corale al tempo stesso e che nutra speranza e compianto.
Ecco la mia:
Ricordi compagnalo sguardo acceso e lucentedella tua fioritura,al tempo degli inganni?E quell'eroica furia: una piena sbocciatanelle grida al vento.
Ricordi? Tu ricordii colori delle strade,la polvere,le pareti di roccia,le salite a strapiombofino all'orizzonte aperto.Fino a respirare il mare.
Respira, respira ancora,piano, sommessamente:io ascolto e so chebruciano oracento primavere,perché una vita solanon  è mai abbastanza.
Se volete cimentarvi, aspetto le vostre.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog