Magazine Cultura

Giovanni della Croce

Da Foscasensi @foscasensi

L'effige era chiara, la interrogavo perché ritraeva Giovanni della Croce. Taceva, e intorno a lui gli faceva coro un paesaggio di pietre cotte. Desideravo che egli premesse gli ori e la membrana che lo teneva al muro e mi guardasse a sua volta. I platani hanno risposto coprendosi di polvere gialla. San Giovanni della Croce ha svolazzato, spostato dal soffio del calorifero, la pelata a guscio di pistacchio. Questi spagnoli, penso. E poi penso che non ci sia niente, proprio niente.
E tu sei arrivato. Pieno di fame.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines