Magazine Cinema

Girl di Lukas Dhont: la recensione

Creato il 26 marzo 2019 da Ussy77 @xunpugnodifilm

Girl di Lukas Dhont: la recensioneCrescere, imparare e diventare donna

Opera prima di Lukas Dhont, Girl racconta in modo vivido e crudo l’abitare un altro corpo. Il regista belga pesa l’impazienza della gioventù, il dolore dell’ambizione e l’autentica brutalità adolescenziale. Un film ricco di spunti e narrativamente “violento”, che trova nello sviluppo corporeo un impedimento che provoca dolore e privazione.

Lara ha quindici anni e insegue il sogno di diventare una ballerina classica. Ma Lara in realtà è un adolescente maschio, che trasfigura il proprio corpo con gli ormoni e gli estenuanti esercizi in sala prove.

Percorso personale in cui la sofferenza del corpo si riflette sulla volontà di sentirsi a disagio con il proprio corpo, Girl è un film che spicca per sensibilità e pudore, nonostante il tema trattato non sia dei più semplici da rappresentare sullo schermo. Il pubblico si ritrova di fronte a una ragazza che ha già affrontato la sua scelta e che percepisce l’impazienza di sentirsi donna, non riuscendo a godersi la leggerezza dell’adolescenza che, talvolta, rischia di scivolare in una schiettezza brutale e senza freni.

Lukas Dhont pone in primo piano il dolore: quello fisico e quello mentale. Da una parte c’è lo sforzo di una ragazza per diventare ballerina di fila, nonostante la struttura acerba di un ragazzo adolescente, mentre è evidente che è la mente che, elaborando la sofferenza di non essere ancora donna a tutti gli effetti, rifiuta l’affetto e l’aiuto che la circonda.

 Girl è un prodotto che scava nella profondità della psiche (ciò che cambia come cambia?) e che restituisce un ritratto adolescenziale condizionato dall’apparire e dall’impazienza di essere immediatamente adulti.

Dramma ben scritto e accompagnato da un cast di spessore (la protagonista è impersonata da uno straordinario Victor Polster), Girl è un percorso intimo, laddove il raggiungimento del benessere è il risultato di una privazione, di un sacrificio.

Uscita al cinema: 27 settembre 2018

Voto: ***1/2

Annunci

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog