Magazine Cucina

Girolomoni chiude la filiera bio: il nuovo mulino è attivo

Da Anna Maria Simonini @AMSimo
La Cooperativa agricola Gino Girolomoni è diventato il primo pastificio biologico italiano a controllare l'intero ciclo produttivo, dal seme al piatto.

La cooperativa ha infatti presentato in anteprima al Sana di Bologna il progetto che li ha visti impegnati negli ultimi mesi e che finalmente è diventato realtà. Si avvera il sogno del fondatore Gino Girolomoni: è ora possibile controllare la lavorazione del grano in ogni fase, dalla semina alla coltivazione, dalla raccolta allo stoccaggio, dalla pulitura alla macinazione, per ottenere una semola su misura e garantire un gusto unico alla pasta Girolomoni ®.

Il nuovo impianto di molitura di proprietà della cooperativa è entrato in funziona il 26 agosto a Isola del Piano (PU), direttamente collegato al pastificio. L'investimento da oltre 3 milioni di euro ha cubato una potenzialità produttiva di farina di 100 tonnellate al giorno e di 20.000 tonnellate all'anno.

L'impianto macina il grano preservando le proprietà organolettiche dell'intero chicco, dalla crusca al germe, senza che venga aggredito o surriscaldato. Per far questo è essenziale rispettare i tempi lenti sia della macinatura che dell'essiccazione.

"È un investimento importante che abbiamo meditato a lungo ma che abbiamo ritenuto necessario per realizzare il progetto del nostro fondatore e per caratterizzare la nostra filiera biologica di lavorazione e trasformazione del grano - spiega il presidente Giovanni Girolomoni - testimonia in modo concreto il nostro impegno per dotare la cooperativa degli strumenti più avanzati, che agevolino la nostra crescita nella direzione della qualità e ci permettano di progettare al meglio il futuro. Quest'impianto di molitura ci rende autosufficienti, consentendoci di controllare la lavorazione del grano dal seme al piatto".

Girolomoni chiude la filiera bio: il nuovo mulino è attivo
Lato novità di prodotto, è stato presentato inoltre l'arrivo della nuova referenza Farina di ceci biologica. In formato da 400, macinata a pietra e prodotta con ceci coltivati in Italia, recupera anche quelli più piccoli o spezzati, in modo che non vadano perduti.

Questa farina è un'ottima fonte di fibre e proteine e rappresenta un valido alleato in cucina per una dieta sana e variegata. Proprio in tale ottica, nel retro della confezione è stata inserita una ricetta, in linea con lo spirito di recupero della buona cucina tradizionale con cui nasce la farina di ceci Girolomoni ®.

Si tratta di una farinata al forno con verdure e curcuma.

L'ho provata aggiungendo zucchine e posso dirvi che il risultato è stato favoloso.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog