Magazine Diario personale

giudica e sarai giudicato

Da Patalice
giudica e sarai giudicatoHo sempre giudicato poco.
...ma prima di plaudire al mio buon cuore,
o di giudicarmi santissssssima o saggisssssssima,
lasciatemi spiegare:
non mi esimio dal giudicare,
perché temo l'altrui giudizio,
di quello ho imparato a fare senza;
non evito di farlo nemmeno alla luce
di chissà quale investitura di saggezza profonda,
io non so nulla più di tanti che puntano il dito.
Io non giudico
perché a me il giudizio mi fa schifo.
Io non giudico
perché della vita degli altri non so nulla.
Io non giudico
perché nelle altrui esistenze non si riflettono i miei occhi.
Sono una brava ad ascoltare,
sono una che da ottimi consigli,
sono una che si interessa sinceramente dei problemi altrui.
Ma non giudico.
Do la mia opinione,
sviscero questioni,
pongo domande,
do anche le mie risposte.
Ma non giudico.
Negli ultimi 6 mesi,
sono stata messa di fronte a talmente tante situazioni,
potenzialmente giudicabili,
che non farlo avrebbe potuto essere accettabile,
mi sarebbe stato facilmente e benignamente concesso,
ma non l'ho fatto.
Io non giudico.
giudica e sarai giudicatoE,
ribadisco,
non mi sento brava,
o migliore,
o lodevole,
per questo...
...ma aver appurato che,
per quanto alto sia il trono sul quale ci si sieda,
sempre sulle proprie chiappe si appoggi,
è una gran lezione da tenere a mente!
...e se non mi ha salvato questo,
indubbiamente è stato fonte di una forza che non sapevo di avere.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog