Magazine Società

Giusi Fasano, in Corriere della Sera 2 la ragazza alla guida della Renault Twingo che è piombata addosso a due giovani appena usciti da una discoteca, alla periferia di Piacenza. Ed era ubriaca. Tasso alcolemico quasi cinque volte superiore al consenti...

Creato il 02 luglio 2019 da Paolo Ferrario @PFerrario
Irina

Irina è in ospedale. Ha qualche contusione e dolori ovunque. Ma la ferita più grande è nella sua testa e lì resterà per sempre. Presto diventerà rimorso e la tormenterà, le farà male fino all'ultimo dei suoi giorni. Perché Irina aveva torto, l'altra notte. Ha sbagliato. E per quel che ha fatto non c'è rimedio.
Era lei la ragazza alla guida della Renault Twingo che è piombata addosso a due giovani appena usciti da una discoteca, alla periferia di Piacenza. Ed era ubriaca. Tasso alcolemico quasi cinque volte superiore al consentito.
C'era buio perché i due lampioni del tratto che stava percorrendo non erano illuminati e quei due ragazzi si sono trovati nel posto sbagliato al momento sbagliato. Sono morti tutti e due sul ciglio di quella strada e probabilmente non hanno nemmeno avuto il tempo di provare a spostarsi per evitare lo schianto. Lei ha tirato dritto finché deve aver capito che cosa stava succedendo perché sull'asfalto ci sono segni di frenata poco prima del punto d'impatto. Comunque troppo tardi. Irina è volata oltre il canale che costeggia la strada ed ha finito la sua corsa nell'erba.
Sirene, ambulanze, vigili del fuoco, carabinieri. E lei impietrita e muta a guardare quelle scene, a sentire urla di disperazione.
Ergi Skenderi aveva 22 anni, il suo amico Xhuljo ne aveva 20, tutti e due albanesi. Avevano passato la serata al Village, discoteca frequentatissima nel fine settimana. Le loro vite si sono spente fra le 3 e le 4 del mattino, proprio mentre la ragazza che li ha uccisi si stava sottoponendo all'alcol-test.
Irina Vetere, classe 1989, è ricoverata e piantonata perché in stato di arresto per duplice omicidio stradale (oggi l'udienza di convalida). I medici dicono che ne avrà per venti giorni ma il ricovero è stato necessario più per lo choc che per i traumi. Non tornerà tanto presto alla sua vita iperattiva, ai suoi progetti imprenditoriali, al suo impegno civile. Anche perché questa è stata la sua seconda volta: in passato le era già stata ritirata la patente per guida in stato di ebbrezza.
In quel caso tornava da una festa ed è incappata in un controllo stradale. Né incidente né feriti, e la giustizia decise che avrebbe pagato il suo debito con la società aiutando disabili per un periodo. Lei lo fece. Ma - oggi è evidente - non riuscì a fare il passo successivo, quello della consapevolezza. Si è messa di nuovo al volante senza essere presente a se stessa.
"Non so cosa dirle, sono tristemente colpito da questa storia" è la sola considerazione del professor Paolo Rizzi, docente di Economia applicata all'Università Cattolica di Piacenza, dove lei ha studiato Management degli Intermediari Finanziari e dove ha ideato un percorso imprenditoriale. Ha creato una startup (ancora in fase di sviluppo) per l'estrazione di molecole e principi attivi dagli insetti per uso alimentare.
Nel 2017 Irina si era molto spesa proprio a favore di Paolo Rizzi (in corsa come sindaco a Piacenza) candidandosi in una lista che lo sosteneva (risultato per lei: sette voti).
Nella vita di Irina c'è un'esperienza Erasmus a Glasgow, in Scozia, c'è l'impegno per l'ambiente, c'è l'amore per l'arte, un lavoro saltuario in una pizzeria e un bene infinito per i suoi genitori. È nata a Petrozavodsk, città nordoccidentale della Russia, ed è stata adottata, come lei stessa spiega in un video postato di recente su Facebook. Titolo: "Cose da non dire a noi adottati". "Sono stata adottata, sì", spiega divertita alla "cosa da non dire" numero uno. Davanti all'imbarazzo di chi scopre che non è figlia biologica dei suoi genitori e le chiede scusa, risponde: "Perché scusa? Non imbarazzatevi... È una cosa bellissima, è la salvezza, un giorno di gioia".
Dall'alba di domenica la parola gioia non è più nel vocabolario della sua vita. Irina ha ucciso due ragazzi. Le parole di oggi sono altre, nessuna è bella.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog