Magazine Viaggi

Gli agriturismi più alti d’Italia, per toccare il cielo con un dito!

Creato il 06 novembre 2012 da Toprural @toprural_it

Quali sono i punti più alti d’Italia, regione per regione? Oggi vogliamo suggerirvi una vacanza in agriturismo là dove l’aria è più rarefatta e fresca, dove non arrivano le autostrade ed i cellulari spesso non hanno campo, dove i paesaggi sono da favola e la natura è incontaminata, alla scoperta dei punti più elevati delle regioni italiane!

Gli agriturismi più alti d’Italia, per toccare il cielo con un dito!
Valle d’Aosta, Monte Bianco, 4.810 metri. Siamo davanti alla montagna più alta della catena alpina e dell’Europa (politica) ed il suo massiccio crea una delle più grandei zone alpine ricoperte da ghiacci: i suoi ghiacciai, prevalentemente sul lato francese, sono ben 65. La sua altezza ufficiale è fonte di dispute già dal 1740 (quando si calcolò essere solo 4.000 metri) e dipende molto dall’altezza delle nevi sulla sua sommità. Da visitare a 2.713 metri d’altezza il giardino botanico più alto d’Europa, il giardino alpino Saussurea, che raccoglie e valorizza la flora tipica dell’arco alpino. Gli agriturismi in provincia di Aosta sono un’ottima base per visitare il massiccio.

Gli agriturismi più alti d’Italia, per toccare il cielo con un dito!
Piemonte, Monte Rosa, 4.634 metri. È il massiccio più esteso delle Alpi, sul confine tra Italia e Svizzera, della quale è la vetta più alta. Io nome non deriva dal colore del massiccio al tramonto o all’alba ma dal latino “Rosia”, ovvero ghiacciaio. Particolarmente impressionante la sua parete Est, il versante di Macugnana, l’unica che per le sue caratteristiche morfologiche può essere classificata come Himalayana: è alta ben 2.600 metri! La storia del Monte Rosa è quella di avventurose e spesso tragiche scalate alle differenti vette del suo massiccio, fin da fine 1.700. Potete ammirare il panorama del massiccio dagli agriturismi in provincia di Verbano-Cusio-Ossola.

Gli agriturismi più alti d’Italia, per toccare il cielo con un dito!
Lombardia, Punta Perrucchetti, 4.021 metri. Conosciuta anche come “La Spedia”, è una vetta secondaria del Massiccio del Bernina, si trova anch’essa sul confine tra Italia e Svizzera. La vetta prende il nome dal Giuseppe Perrucchetti, generale e senatore italiano a cavallo tra il 1.800 ed il 1.900, fondatore del Corpo degli Alpini. Affascinati dalla storia di questa zona? Predisponete il campo base in uno degli agriturismi della provincia di Sondrio!

Gli agriturismi più alti d’Italia, per toccare il cielo con un dito!
Trentino-Alto Adige, Ortles, 3.905 metri. L’Ortles è una montagne più imponenti delle Alpi Retiche meridionali e rappresenta il punto culminante dell’omonimo massiccio. Prima della fine della Prima Guerra Mondiale la montagna si trovava in territorio Austrongarico, del quale impero era la vetta più alta. Da qui l’origine del toponimo, proveniente da dialetti tedeschi ed austricaci. Per visitare la zona non potete che partire dagli agriturismi in provincia di Bolzano.

Gli agriturismi più alti d’Italia, per toccare il cielo con un dito!
Sicilia, Etna, 3.343 metri. Anche al Sud ci sono le montagne, e l’Etna è la vetta più alta di quello che un tempo era il Regno delle due Sicilie. L’Etna è uno stratovulcano, sarebbe a dire che la sua altezza varia nel tempo in relazione alle sue frequenti eruzioni, ed è un vulcano attivo, dalla cui somma è sempre visibile una colonna di fumo. Il nome deriva dalla pronuncia locale del toponimo greco Aitna (bruciare/fornace). La zona del cratere è visitabile, ovviamente con le dovute precauzioni e la compagnia di guide specializzate, mentre è possibile scorgere il riconoscibile profilo della montagna da uno dei tanti agriturismi in provincia di Catania in cui potrete godervi il clima e la bellezza della terra siciliana.

Questi sono i primi cinque punti più elevati delle regioni italiane, ma ogni zona italiana ha le sue vette da capogiro, i suoi monti che sembrano rincorrere il cielo. Qual è il punto più elevato della tua regione? Segnalacelo nei commenti!


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazine