Magazine Tecnologia

Gli atti di bullismo e cyberbullismo sono reato – denunciare per difendersi

Creato il 31 ottobre 2017 da An_noblog
Gli atti di bullismo e cyberbullismo sono reato – denunciare per difendersi

Gli atti di bullismo e cyberbullismo sono reato

Chi compie atti di bullismo o cyberbullismo commette un reato e può essere perseguito dalla magistratura. Questa consapevolezza dovrebbero averla sia le vittime di bullismo e cyberbullismo che i bulli. Le prime, poiché sapranno di avere una potente arma per difendersi; la legge. I secondi, in modo che abbiano contezza a cosa vanno incontro quando commettono atti di bullismo; essere puniti dalla giustizia penale e civile.

Le vittime, quindi, hanno la possibilità di denunciare per difendersi. Una forte scudo contro il fenomeno della violenza fisica e psicologica che dilaga soprattutto nelle aule scolastiche.

Leggi anche: Come riconoscere una vittima del bullismo

Chi subisce il bullismo è vittima di un reato, come tale ha diritto ad esercitare tutte le facoltà che la legge prevede in questi casi. Può e deve pretendere un risarcimento in sede civile e, denunciando,  deve affermare il principio che il bullo venga punito per i reati che ha commesso contro di lui. In sintesi, che sia fatta giustizia.

Denunciare e un atto coraggioso ed è un modo per far cessare i comportamenti persecutori tipici del bullismo. Denunciare è anche un monito per chi considera le aule scolastiche come terreno di gioco piuttosto che di crescita personale. La scuola è un diritto, ed è un dovere dello Stato renderla praticabile senza che ci sia violenza all’interno.

Il parlamento italiano, sensibile al fenomeno del bullismo e del cyberbullismo ormai imperante specialmente nelle scuole, dopo un iter relativamente breve, ha varato una norma al riguardo. La cosiddetta legge contro il cyberbullismo. Tuttavia, resta in essere il principio che gli atti persecutori tipici del bullismo configurano una serie di reati penali anche gravi.

Gli atti di Bullismo e Cyberbullismo sono reato: la legge contro il cyberbullismo

I social network, le chat, internet in generale sono divenuti terreno su cui prolifera ampiamente il bullismo digitale. La Legge 29 maggio 2017, n. 71 recante “Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del Cyberbullismo” è, di fatto, il primo dispositivo europeo contro il bullismo in rete.

bullismo cyberbullismo reato

La norma, alla lettura, risulta essere fondata sul principio educativo piuttosto che repressivo.

L’unico strumento sanzionatorio è l’ammonimento, da parte del questore, nei confronti del cyberbullo. In realtà, questo punizione è l’estensione al cyberbullismo dei provvedimenti contro lo stalking (art. 612-bis c.p.).

La nuova legge ha comunque dato una definizione puntuale al Cyberbullismo. Con questa espressione si intende “qualunque forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione, furto d’identità, alterazione, acquisizione illecita, manipolazione, trattamento illecito di dati personali in danno di minorenni, realizzata per via telematica, nonché la diffusione di contenuti on line aventi ad oggetto anche uno o più componenti della famiglia del minore il cui scopo intenzionale e predominante sia quello di isolare un minore o un gruppo di minori ponendo in atto un serio abuso, un attacco dannoso, o la loro messa in ridicolo”.

Obiettivo della legge 29 maggio 2017, n. 71

Scopo del provvedimento è, principalmente, di contrasto al fenomeno del cyberbullismo in tutte le sue manifestazioni. Sono previsti, l’ammonimento al bullo da parte del questore e l’oscuramento del sito web con contenuti digitali sanzionabili.

La norma, concede al minore di 14 anni la possibilità di agire autonomamente nei confronti dei fornitori di servizi internet, pretendendo la rimozione di contenuti offensivi. Se la richiesta dopo 48 ore è disattesa, possono intervenire i genitori attraverso un’istanza al garante della privacy. È, di fatto, istituita la responsabilizzazione dei provider internet sui contenuti che pubblicano.

Ogni istituto scolastico dovrà individuare, tra il corpo docente, un referente per le iniziative contro il bullismo e il cyberbullismo. Nel caso che avvengano tali episodi, il preside dovrà informare le famiglie dei minori coinvolti e, se necessario, riunire tutti gli interessati per adottare misure di assistenza alla vittima, sanzioni e percorsi rieducativi per l’autore.

Leggi anche: La bocciatura per il bullismo è legittima – lo stabilisce il tar del piemonte

Viene istituito un “tavolo tecnico” per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo, la cui responsabilità è della presidenza del Consiglio.

Al Miur, in generale, è dato il compito di creare percorsi di sensibilizzazione, prevenzione e contrasto sia per gli studenti che per gli insegnanti. A queste iniziative collaboreranno anche polizia postale e le associazioni sul territorio.

Sono sempre benvenute le iniziative come quelle della Ministra fedeli: “Piano nazionale per l’educazione al rispetto”
Dieci azioni per contrastare disuguaglianze e discriminazioni” – Sui social la campagna #Rispettaledifferenze

La legge 29 maggio 2017, n. 71 è indirizzata prettamente al contro  il cyberbullismo. Tuttavia, gli episodi che vengono registrati dalla cronaca sono solitamente riconducibili sia al bullismo sul territorio che attraverso mezzi digitali.

Leggi anche: Cosa rischia chi offende online? La Boldrini denuncerà chi l’ha insultata su facebook

Naturalmente, per quei fatti penalmente rilevanti rimane la possibilità di denunciare il bullo per i reati che commette.

Gli atti di Bullismo e Cyberbullismo sono reato: denunciare per difendersi

atti di bullismo e cyberbullismo sono reato
Ogni reato e perseguibile per legge, compresi i comportamenti tipici del bullismo e del cyberbullismo. C’è da specificare che la legge prevede la non imputabilità dei minori di 14 anni. In questo caso subentrano nella responsabilità i genitori o i tutori del minore di 14 anni. . Nell’eventualità di reati commessi a scuola anche gli insegnanti e il capo dell’istituto sono, per così dire, soggetti responsabili.

Dopo i 14 anni e fino a prima dei 18 la competenza e del tribunale dei minori. Dopodiché c’è la giustizia ordinaria. I reati penali sono puniti con la reclusione o l’ammenda. Per attivare la legge penale è sufficiente sporgere una denuncia all’autorità giudiziaria o agli organi di polizia, i quali valuteranno l’ipotesi di intervenire autonomamente (reati perseguibili d’ufficio). Poi ci sono quei casi in cui la vittima deve richiedere espressamente di procedere penalmente (querela di parte).

Denunciare per difendersi

Ciò premesso, i comportamenti sanzionabili che solitamente avvengono nelle dinamiche del bullismo sono:

la violenza privata (art. 610 codice penale)

  • le percosse (art. 581 codice penale);
  • le lesioni (art. 582 del codice penale) le quali, a seconda della gravità sono perseguibili d’ufficio o su querela di chi subisce il danno fisico;
  • il furto (art.624 codice penale);
  • l’estorsione (art 629 codice penale)
  • danneggiamento alle cose (art. 635 codice penale);
  • l’ingiuria (art. 594 del codice penale);
  • la diffamazione (art. 595 del codice penale.);
  • la molestia o Disturbo alle persone (art. 660 codice penale);
  • la minaccia (art. 612 codice penale);
  • agli atti persecutori tipici dello stalking (art. 612 bis del codice penale) è stata riconosciuta l’aggravante del cyberstalking se il fatto è commesso “attraverso strumenti informatici o telematici”;
  • sostituzione di persona (art. 494 del codice penale);
  • il sequestro di persona (art. 605 codice penale);
  • violenza sessuale (art. 609 bis codice penale);

Sembra di scorrere il curriculum di un criminale incallito, sebbene l’elenco è distintivo dei reati che usualmente commettono i persecutori quando esercitano atti di bullismo.

La vittima ha anche la possibilità di ricorrere alla magistratura civile per farsi riconoscere un equo indennizzo per i danni subiti. Lo prevede l’articolo 2043 codice civile che testualmente recita “Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno”. A tale dispositivo si può accedere con l’ausilio di un legale, che comunque è consigliabile consultare anche per i fatti penalmente rilevanti.

E’ auspicabile, da parte della magistratura, che vengano emesse, contro il bullismo e il cyberbullismo, sentenze esemplari. E che, adeguatamente pubblicizzate, siano anche un monito contro tali manifestazioni.

Un’ultima doverosa considerazione: la legge è uguale per tutti ed è un valido deterrente per i bulli e un arma di difesa per le vittime. Ciò non vuol dire vendetta, semplicemente giustizia

Leggi anche: Come difendersi dai bulli e dal bullismo

Letture suggerite:

E. Menesini (a cura di) – Bullismo: le azioni efficaci della scuola. Percorsi italiani alla prevenzione e all’intervento

bullismo

Gianluca Gini (Autore), Tiziana Pozzoli (Autore): Bullismo a scuola. Ragazzi oppressi, ragazzi che opprimono

Non è tollerabile che la scuola possa diventare un’arena gladiatoria per alcuni ragazzi, i bulli, ed un inferno per altri, le loro vittime. È un dovere di tutti, anche dei più esuberanti, porre un limite all’espressione di sé, quando questa può nuocere all’espressione della personalità altrui….


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :