Magazine Cultura

Gli Emirati e la rincorsa tecnologica all’editoria (non solo araba)

Creato il 15 ottobre 2012 da Chiarac @claire_com_
Gli Emirati e la rincorsa tecnologica all’editoria (non solo araba)

Delegazione da Sharjah @Fiera di Francoforte 2012 (fonte: Facebook)

Il panorama editoriale arabo è cambiato negli ultimi decenni e molto sta cambiando proprio ultimamente.

Dalla fine degli anni ’80, l’importanza dei mercati di Iraq, Sudan, Libia e Algeria (gli Stati più popolosi del mondo arabo) è lentamente venuta meno per le note problematiche di politica interna di questi Paesi, allo stesso tempo è aumentata la dipendenza delle storiche regioni “regine” del panorama editoriale della regione, Beirut e Il Cairo, dai mercati della penisola arabica, Arabia Saudita ed Emirati in testa.

E tra gli Emirati spiccano senza ombra di dubbio Sharjah e Abu Dhabi, micro-Stati ma con possibilità di ingenti capitali da investire, la cui potenza si esercita non solo attraverso il potere economico e finanziario, ma anche tramite quello culturale. Fiere internazionali del libro, nuove tecnologie, digital content, società della conoscenza e finanziamenti ad istituzioni culturali sono solo alcune delle direttive verso cui gli EAU si stanno muovendo in questi anni. Dappertutto nel mondo.

Gli Emirati e la rincorsa tecnologica all’editoria (non solo araba)

Lo stand dedicato a Sharjah

In questi giorni, infatti, gli organizzatori della Fiera Internazionale del libro di Sharjah* e della Fiera Internazionale del Libro di Abu Dhabi sono presenti con le loro delegazioni – in bella vista grazie a dei magnifici stand – alla Fiera Internazionale del Libro di Francoforte, la più grande, prestigiosa e animata fiera libraria del mondo.

In occasione della Buchmesse, il nuovissimo Sharjah Research Centre ha presentato due saggi, sull’editoria e sulle abitudini di lettura negli Emirati, entrambi finanziati dalla Fiera del Libro di Sharjah e dall’associazione degli editori degli Emirati. I due rapporti testimoniamo senza dubbio la vocazione locale dell’emirato che intende affermarsi nel mercato editoriale regionale.

Book publishing in the UAE, è un’ analisi della neonata industria dell’editoria degli EAU, molto presumibilmente preparata allo scopo di presentare al meglio i numeri e le statistiche dell’editoria per i palati degli investitori stranieri, anglofoni in testa.

Il secondo saggio, Reading Habits in the UAE , è invece un rapporto stilato sulla base di 500 interviste condotte durante la scorsa fiera di Sharjah, e ha l’obiettivo di individuare i profili dei lettori dal punto di vista della loro istruzione, delle prospettive di carriera e della dimestichezza con le nuove tecnologie.

Il report viene messo a confronto con un analogo saggio, pubblicato nel 2007, dal titolo What Arab reads che analizzava le abitudini di letture degli abitanti di 9 paesi: Egitto, Libano, Tunisia, Marocco, Arabia Saudita, Algeria, Giordania, Palestina e Siria.

Gli Emirati e la rincorsa tecnologica all’editoria (non solo araba)
Abu Dhabi invece, forte di una tensione culturale maggiormente orientata all’estero e all’internazionalizzazione, si presenta alla fiera tedesca con una ricca serie di eventi dedicati all’editoria online, digital content, applicazioni e ultime tecnologie. Al riguardo basta citare che la Mujamma al-thaqafi di AD ha “realizzato un grande progetto di editoria elettronica”, mettendo online moltissime opere dal patrimonio arabo-islamico.

I numerosi panel e seminari mirano proprio a far conoscere le illimitate opportunità di fare rete e fare “business” che il governo di Abu Dhabi e la fiera vogliono offrire al panorama editoriale internazionale, nonché le opportunità editoriali presenti nel Golfo e nel Medio Oriente.

L’attenzione per i dettagli d’altronde si può vedere anche dal modo con cui le due istituzioni fieristiche si mettono in contatto con il proprio pubblico: siti bilingue dalla grafica moderna e accattivante, account Facebook, Twitter, Google+, Youtube (!), sempre attivi, aggiornati e creativi.

***

E questo è il mercato, bellezza! Anche se si tratta di industria culturale, forse la più delicata di tutte. Perchè non coinvolge solo capitali, mercati, investimenti, ma l’anima e il cuore dei suoi investitori più importanti: i lettori.

*La prossima Fiera di Sharjah, fiore all’occhiello del dipartimento della Cultura (la più antica istituzione culturale ufficiale degli Emirati, fondata nel…1981!) si terrà dal 7 al 17 novembre.

_________________

Bibliografia: Il libro e la città. Beirut e l’editoria araba, di Franck Mermier, Mesogea, 2012 (di prossima mia recensione, inshallah)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Gli infoibati

    infoibati

    Se trovate uno scheletro legato con il fil di ferro ad un altro scheletrolegato ad un altro scheletro e a un altro ancora, quello scheletro sono io. Non... Leggere il seguito

    Da  Albix
    CULTURA, LIBRI
  • Gli...della Domenica:Sun Tzu

    Gli...della Domenica:Sun

    Sun Tzu è stato un generale e filosofo cinese, vissuto probabilmente fra il VI e il V secolo a.C. A lui si attribuisce uno dei più importanti trattati di... Leggere il seguito

    Da  Helldoom
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • Gli Infedeli

    Infedeli

    Il film, suddiviso in vari sketch e diretto da diversi registi, riesce nel suo intento, disegnando un ritratto completo dell’uomo contemporaneo affannosamente... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Gli infedeli

    infedeli

    “Gli Infedeli” (Les Infedèles, 2012) di una schiera di registi (sette) per una pellicola a episodi (sei) più un prologo prima dei titoli di testa. Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA
  • “Gli Infedeli”: gli uomini, che mascalzoni…

    “Gli Infedeli”: uomini, mascalzoni…

    “Che idea? Ma quale idea?” canta Pino D’Angio nella canzone sussurrata in apertura da Jean Dujardin con fare sorridente da bello impossibile. Quale idea (fissa)... Leggere il seguito

    Da  Onesto_e_spietato
    CINEMA, CULTURA
  • Gli Etruschi

    Etruschi

    La suddivisione della volta celestesecondo la Etrusca Disciplina Quel poco che degli Etruschi ci hanno tramandato i Romani, ci parla di un popolo... Leggere il seguito

    Da  Kimayra
    CULTURA, STORIA E FILOSOFIA
  • Gli Equilibristi

    Equilibristi

    Film denso di significato socialmente, ma anche artisticamente, si avvale di una delle performance migliori di Valerio Mastandrea, che non caricaturizza il... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA