Magazine Internet

Gli italiani scelgono sempre più la TV in streaming

Da Franzrusso @franzrusso

Gli italiani si spostano sempre di più verso la TV in streaming. In un anno, gli utenti online che scelgono i servizi SVOD sono passati dall'8% al 19%, circa 7,6 milioni di utenti. Sono questi i dati evidenziati dall'Osservatorio Internet Media del Politecnico di Milano.

Gli italiani scelgono sempre di più Netflix, Amazon Prime Video e non solo. I dati che l' Osservatorio Internet Media del Politecnico di Milano ha messo in evidenza in questi giorni, mostrano chiaramente come gli utenti italiani scelgano sempre di più la TV in streaming. Dai dati emerge che in un anno gli utenti italiani online che scelgono i servizi SVOD (Subscription video on demand) sono passati dall'8% al 19%, un dato che è, quindi, più che raddoppiato. Volessimo dare qualche numero più concreto, considerando la popolazione online italiana di circa 40 milioni (una media tra i dati di We Are Sociale e Audiweb), possiamo dire che si tratta di circa 7,6 milioni di utenti. Si tratta di numeri che cominciano ad avere una certa consistenza.

Nel 2018, il valore del mercato in Italia è stato pari a 177 milioni di euro, in crescita del 46% rispetto all'anno precedente. Nonostante una diffusione di questi servizi più lenta rispetto agli altri grandi paesi europei, soprattutto a causa del digital divide e di un'ampia offerta televisiva "tradizionale", ora anche in Italia il mercato comincia ad interessare una massa importante di pubblico. Da sottolineare che l'ingresso di DAZN (e poi di Eurosport) ha portato l'interesse anche a target di utenti che non erano, se si può dire, "preparati" nell'utilizzo di questa tipologia di piattaforme, coinvolgendo in particolare l'audience degli appassionati sportivi di ogni età.

Gli italiani scelgono sempre più la TV in streaming

Nel 2019 il numero di sottoscrizioni in Italia agli abbonamenti SVOD potrebbe superare quello degli abbonamenti a pay-tv. Infatti, sono sempre di più che accedono ai servizi online: se, da una parte, gli utenti delle PayTv sono piuttosto stabili, dall'altra parte il numero degli utenti dei servizi SVOD è in forte crescita, raggiungendo, come dicevamo prima quasi il 19% della popolazione italiana online. Questi abbonamenti vengono fruiti su tutti i device connessi, soprattutto sulle smart tv. Anche per questo la loro crescente diffusione mette sempre più in confronto diretto la proposta online con quella del classico palinsesto televisivo. E' ormai un dato assodato che gli utenti oggi scelgono cosa guardare indipendentemente dalle modalità con cui viene trasmesso.

Gli italiani scelgono sempre più la TV in streaming

Il grafico in alto spiega bene lo spostamento verso la tv in streaming in base all'età. Lo spostamento più forte si ha tra nella Generazione X (+10%); poi tra i Millennials (+6%) e, infine, tra i baby boomers (+5%).

Gli italiani scelgono sempre più la TV in streaming
Gli italiani scelgono sempre più la TV in streaming

Questo passaggio ha conseguenze anche dal punto di vista pubblicitario. Il settore infatti si sta attrezzando con diverse tecnologie che permettono agli investitori pubblicitari di selezionare una determinata audience televisiva a cui offrire (sulla base delle informazioni in possesso) spot e contenuti personalizzati. Questa tipologia di pubblicità, chiamata "addressable Tv", è fruibile solo all'interno di smart tv e televisori connessi alla rete. È atteso nei prossimi anni, ovviamente, un deciso incremento di tutti questi fenomeni, non solo per la naturale crescita di iniziative e di interesse da parte degli utenti, ma anche per lo switch verso la tecnologia DVB-T2 che, entro il 2022, comporterà la sostituzione di molti televisori nelle case degli italiani facilitando quindi la diffusione di smart tv.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog