Magazine Politica

Gli Usa ammettono: "la Russia controlla la Crimea"

Creato il 03 marzo 2014 da Eastjournal @EaSTJournal


di Matteo Zola

Russia Ukraine War Sevastopol Crimea Georgia

E’ fatta. La Russia ha preso il controllo totale della Crimea. A dirlo – o meglio, ad ammetterlo – è la segreteria di Stato americana. Circa 6000 truppe aviotrasportate hanno occupato i punti nevralgici della penisola, e presidiano il confine tra la Repubblica autonoma di Crimea e l’Ucraina dove, nella giornata di ieri, sono stati visti soldati russi scavare trincee. “Le forze russe hanno il completo controllo operativo” dicono da Washington dove si fa largo l’ipotesi di concedere a Mosca il punto, nella speranza di evitare ulteriori interventi militari russi in altre aree del paese, chiudendo così la crisi. Un intervento armato in Crimea da parte delle forze occidentali, spiegano a Washington, provocherebbe la reazione russa su altri fronti.

L’amministrazione Obama sembra puntare su una rapida risoluzione della crisi e minaccia sanzioni economiche, fin qui piuttosto vaghe. “Il comportamento russo non si concilia con la presenza di Mosca nel G8″ tuonano dalla Casa Bianca, ma sanzioni economiche alla Russia sono più facili a dirsi che a farsi e, nella partita energetica, Mosca potrebbe rivalersi sull’Europa lasciandola al freddo per un po’. Il prossimo G8 è previsto a Sochi, in Russia, per il giugno prossimo. Stati Uniti e Gran Bretagna stanno ventilando di boicottarlo ma è possibile che Putin accetti lo smacco se la contropartita è la conquista territoriale. Inoltre giugno è lontano e gli eventi precipitano in fretta.

La Russia ha trovato in un primo momento l’appoggio della Cina che, nella giornata di ieri, ha dichiarato “legittimo” l’operato del Cremlino.Tuttavia oggi Pechino ha ritrattato definendo inviolabile l’integrità dei confini ucraini e riconoscendo il governo in carica a Kiev. L’alleanza tra Pechino e Mosca è importante soprattutto in sede Onu dove i due paesi siedono nel Consiglio di sicurezza.

Le minacce di ritorsioni economiche nei confronti della Russia sono comunque bastate perché il valore del rublo crollasse all’apertura delle borse stamane. L’indice azionario russo è sceso dell’11%. Segno che la guerra, prima che combattersi con i fucili, si combatte a livello finanziario e su questo aspetto la Russia è piuttosto vulnerabile.

Bisognerà vedere quali saranno le reazioni a Kiev, al momento poco incline a vedere minata la propria sovranità territoriale. La crisi ucraina necessita una rapida risoluzione poiché “più il tempo passa, più le cose si complicano”, come dichiarato dal segretario di Stato americano John Kerry.

foto IBTimes

Tags: Crimea, finanza, matteo zola, rublo, Ucraina Categories: Ucraina


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog