Magazine Cucina

Gnocchi di patate al Castelmagno DOP e nocciole - MTC story

Da Zibaldoneculinario
Gnocchi di patate al Castelmagno DOP e nocciole - MTC story
La proposta è stata: "Facciamoci un bellissimo regalo di Natale, torniamo a cucinare insieme per il nostro amato MTC".
E come si fa a dire di no????
L'MTC è da sempre nei nostri cuori e sentiamo davvero la sua mancanza, quindi ho subito deciso di partecipare a questo Flash Mob dal titolo "MTC story".
Ho avuto qualche difficoltà nella scelta della ricetta, ero disorientata, non sapevo quale sfida scegliere, poi l'amore per gli gnocchi di patata ha avuto il sopravvento il condimento era nella mia to-do list da anni e così si è risolta la parte più "spinosa" della partecipazione.
Devo però ringraziare Chiara (a cui è venuta l'dea),  Annarita (che ha lanciato questa sfida) e la mitica Ale (sperando che riesca a tornare su questi schermi)... buon Anno a tutti!!!
Ecco la ricetta!
Gnocchi di patate al Castelmagno DOP e nocciole - MTC story
Ingredienti  per 4 persone
Gnocchi di patate al Castelmagno DOP e nocciole - MTC story
800g di patate rosse
240g di farina 00
Sale
Per il condimento
200g di Castelmagno DOP
100ml di latte
30g di burro
nocciole
Lavare le patate e cuocerle  in acqua fredda senza sbucciarle, sarebbe meglio sceglierle dalle dimensioni simili in modo da avere una cottura uniforme.
Dopo circa 30/40 min (dipende dalla pezzatura), scolarle e lasciare che perdano "il fumo", nel senso di lasciarle appena raffreddare, poi spellarle e passarle allo schiacciapatate.
Formare una fontana sulla tavola da impasto e aggiungere subito un bel pizzico di sale, in modo che si sciolga a contatto con la patata calda.
Prepararsi la farina pesata a lato e iniziare ad incorporarla poco alla volta (questa dose è ottimale per patate farinose).
Impastare velocemente e non troppo, formare un filone e poi tagliare con il tarocco tante fette, con le mani ricavare delle bisce dello spessore di circa 1,5cm che poi verranno tagliate a circa 2 cm.
Passare i tocchetti sul retro della grattugia in modo da ottenere il ricamo sulla superficie e l'incavo all'interno, utili a raccogliere il sugo.
Grattugiare il formaggio, sciogliere il burro e scaldare il latte in una padella antiaderente, unire il formaggio e mescolare fino a scioglierlo completamente (potrebbe volerci ancora un poco di burro, dipende dalla stagionatura).
Cuocere gli gnocchi in una grande pentola con acqua salata, appena salgono in superficie, toglierli con la schiumaiola e passarli nella fonduta di Castelmagno, facendoli saltare aggiungere un poco di acqua di cottura se fosse poco cremoso.
Servire ben caldi dopo aver cosparso il piatto con le nocciole tritate grossolanamente.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines