Magazine Informatica

Google: 3 milioni di dollari stanziati per il Vulnerability Rewards Program 2016

Creato il 01 febbraio 2017 da Paolo Dolci @androidblogit
Google Logo

Forse non tutti sanno che dal 2010 Google organizza un Vulnerability Rewards Program con lo scopo di limitare le falle di sicurezza nei propri servizi. Esso in pratica è uno speciale programma, a cui tutti possono partecipare, che invita alla ricerca di bug, disservizi e vulnerabilità di sicurezza all’interno dei servizi Google. In base a ciò che si scopre, il colosso di Mountain View elargisce un premio in denaro. Ebbene, nel 2016 l’intera somma messa a disposizione da Google per il Vulnerability Rewards Program è stata di 3 milioni di dollari.

Analizzando un po’ i numeri relativi al 2016, sono stati 350 i ricercatori e oltre 1000 gli sviluppatori che sono riusciti a scovare dei difetti nei servizi di Google. Nonostante il programma si riferisca alla totalità dei servizi (rispetto al 2015 è stato aperto anche al Fuzzer Program di Chrome ed ai sistemi dei router OnHub), circa un terzo dell’intera somma è stata destinata a coloro che hanno scovato bug e falle all’interno di Android.

Google: 3 milioni di dollari stanziati per il Vulnerability Rewards Program 2016

L’importanza del programma e la necessità di avere un controllo sempre maggiore sulle possibili falle di sicurezza hanno spinto l’interesse dei ricercatori e degli sviluppatori molto in alto. Basti pensare che nel 2015 coloro che sono stati premiati sono stati 350 ricercatori e 700 sviluppatori, per un totale di 2 milioni di dollari. In totale, il Vulnerability Rewards Program ha fruttato a ricercatori e sviluppatori ben 9 milioni di dollari.

Ogni qualvolta Google rilascia una patch di sicurezza per gli smartphone ed i tablet Android, ora sappiamo che parte del merito va dato a persone estranee a Google che hanno partecipato al Vulnerability Rewards Program.

FONTE

––––– google sicurezza-antivirus2017-02-01

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :