Magazine Tecnologia

Google, Apple, una questione di cheeseburger

Creato il 30 ottobre 2017 da Andreapuchetti
google

Negli States potete scherzare su tutto, ma non azzardatevi a farlo sul cheeseburger!. Lo deve aver capito anche Google e il suo Ceo Sunday Pichai il quale, dopo che la sua azienda ha pubblicato nuove emoji, è stato bombardato di proteste e di messaggi ironici sul suo account Twitter.

Motivo della contesa: la nuova emoji del cheesburger, che sarebbe completamente errata. Avrebbe infatti la colpa di aver collocato la celebre e gustosa fetta di formaggio, sotto la carne invece che sopra. Un errore che nessun fast-food americano si sognerebbe mai di commettere.

Penso che si debba parlare della emoji di Google, che pone il formaggio sotto l’hamburger, mentre Apple lo mette sopra, scrive Thomes Baekdal.

Google

Chi ha disegnato l’emoji del cheeseburger in Google non ne ha mai mangiato uno, gli fa eco Trevor Young

Google

A questo punto, Sundar Pichai, deve aver pensato bene di intervenire, prima che la questione degenerasse e, con un tweet scherzoso, ha risposto. “Metteremo da parte tutto quello che stiamo facendo e sistemeremo la cosa subito lunedì. Se riusciremo a trovare un accordo su come farlo“.

Google, Apple, una questione di cheeseburger

Insomma, un weekend turbolento, una questione spinosa, tanto che addirittura Time Magazine è intervenuto nel dibattito, affermando che Google sarebbe l’unica azienda del settore tecnologico a schiacciare il formaggio sotto la fetta di carne: colossi del calibro di Apple, Microsoft, Samsung, LG, Whatsapp e Facebook mettono il formaggio sopra la carne, che è considerata la posizione migliore affinché i due gusti si fondano al meglio.

Un dibattito surreale quello che ne è scaturito, ma che mette in mostra come oggi nulla possa essere sottovalutato e come un piccolo dettaglio possa far scoppiare la classica tempesta in un bicchier d’acqua.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :