Magazine Tecnologia

Google Chrome va in crash: come risolvere

Creato il 05 agosto 2019 da Andy04 @stilegamesnews
Google Chrome va in crash: come risolvere

Quando si sta davanti al PC, può capitare che improvvisamente Google Chrome smetta di funzionare. Stessa cosa quando lo si sta utilizzando dal cellulare. È necessario avviare le procedure di riavvio della pagina, del cellulare o del PC, per poterlo far funzionare di nuovo. A volte può comparire la scritta “Errore del proxy in Google Chrome”, oppure scritte simili, come anche “la pagina web non è disponibile”. Più frequente è “err-connect”.

Google Chrome: come farlo funzionare dopo un problema

Prima di capire quale soluzione adottare per sbloccare Google Chrome e poterlo di nuovo utilizzare, serve capire in cosa consiste il problema. In questo modo, si sceglierà la soluzione più ovvia per risolverlo. Quando Chrome non funziona al PC, il problema può essere una mancanza di connessione, oppure una connessione debole. Basterà controllarla oppure spegnere e riaccendere il wi-fi, per risolvere il problema. Se non si risolve neanche così, allora conviene chiudere tutte le schede e le possibili applicazioni aperte. Queste è molto utile anche quando si è connessi da cellulare e non funziona Chrome, o smette improvvisamente di funzionare.

Un’altra soluzione può essere quella di chiudere tutto e riavviare Chrome, oppure riavviare direttamente il computer o il telefonino.

Se il problema riguarda alcune pagine, provare a ricaricarle. In alternativa, le si può anche chiudere e provare ad aprire direttamente su un’altra scheda.

Google Chrome: altre soluzioni quando non funziona

Se il problema continua nonostante si siano provate diverse soluzioni, allora forse c’è un virus. Basterà avviare la scansione per capire se è questa la causa del problema, ed eliminarla. In alcuni casi è necessario installare Chrome da capo e verificare che il problema non persista. Insomma, a volte può capitare che questo browser non funzioni, ma per risolvere il guasto ci sono diversi sistemi da poter provare.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine