Magazine Informatica

Google Cloud Print chiuderà i battenti nel 2021

Creato il 22 novembre 2019 da Paolo Dolci @androidblogit
Google Cloud Print

In un tentativo di rendere universali le stampanti connesse a internet e permettere alle persone di poter stampare sulla propria stampante, indipendentemente da dove ci si trovava, 10 anni fa Google lanciò il servizio Google Cloud Print. Nonostante gli ottimi risultati, Google ha deciso di fermare il suo sviluppo, chiudendo definitivamente il servizio a partire da gennaio 2021.

A partire dal 1 ° gennaio 2021“, riferisce Google in un documento di supporto, “i dispositivi di tutti i sistemi operativi non saranno più in grado di stampare utilizzando Google Cloud Print. Si consiglia di individuare una soluzione alternativa nel corso del prossimo anno ed eseguire una strategia di migrazione “.

Precisiamo che Android non richiede più il supporto a Google Cloud Print (la cui app ha superato di recente 1 miliardo di installazioni dal Play Store), poiché dalla versione 8.0 Oreo è stato aggiunto un servizio di stampa nativo; inoltre, la maggior parte dei produttori di stampanti ha le proprie app e funzioni di stampa via internet.

Non si tratta nemmeno di una perdita per tutti coloro sono soliti usare dei Chromebook, dal momento che Google Cloud Print era necessario solo fino a qualche tempo fa, ovvero fino a quando sono state integrate le stesse API di stampa presenti su Android.

––’

L’unico disservizio reale sarà dato a coloro utilizzano una vecchia stampante USB connessa a un computer visto che, sfruttando il browser Chrome, potevano trasformarla in una stampante via internet. Ma è chiaro che questo scenario si limita veramente a pochissimi casi.

Prima di lasciarvi, vi vogliamo ricordare che Google Lens è ora integrato nella ricerca immagini di Chrome e che Google vuole che Android usi il kernel tradizionale di Linux.

VIA  FONTE

google2019-11-22Lorenzo Spada

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog