Magazine Cultura

Gran Bretagna, il capo e lo sciamano

Creato il 23 maggio 2020 da Kimayra @Chimayra

Gran Bretagna, il capo e lo sciamano

Gran Bretagna, la sepoltura del capo della cultura Becher
(Foto: Archaeologica Foundations)

Gli archeologi hanno riportato alla luce, nel sudovest dell'Inghilterra, a Skate Park, i resti di un capo vissuto nell'Età del Bronzo, sepolto con i segni di molta ricchezza. Un'altra sepoltura, scoperta accanto ai resti di questo esponente importante di una comunità locale, è quella di un uomo anziano, sepolto in posizione seduta e con uno scarso corredo funebre. Gli archeologi pensano che i due uomini avessero avuto, in vita, un legame sociale particolare.
Le sepolture sono state rinvenute nel 2017 e la datazione al radiocarbonio ha rivelato che i due uomini sono vissuti nel 2200 a.C. circa. Nella sepoltura più ricca vi erano i crani e gli zoccoli di quattro diversi bovini. Offerte di teste e zoccoli di bovini erano usuali in Europa durante l'Età del Bronzo, ma erano molto poco comuni in Gran Bretagna.
Sia i reperti che i l'età e lo stile delle sepolture suggeriscono che questi uomini appartenevano alla cultura Becher, dal nome di una tipologia di vasi in ceramica. Secondo recenti studi sul Dna le persone di questa cultura arrivarono dall'Europa continentale intorno al 2400 a.C. e, probabilmente, furono i primi ad utilizzare il rame ed il bronzo in Gran Bretagna. La cultura Becher seppelliva i suoi morti con una sorta di "corredo standard" di beni: un vaso, un pugnale in rame, una protezione da polso per arcieri, perline d'ambra e a volte anche teste di bestiame e zoccoli. In questo caso solo quello identificato come capo aveva tutti questi beni, tranne il vaso in in ceramica.
Gli archeologi pensano che il proprietario della sepoltura più ricca fosse un uomo molto onorato in vita. Nel suo corredo funerario spiccano un pugnale in rame con pomo in osso di balena, una selce e pirite in ferro per il fuoco e ricche offerte di bestiame. Era sepolto al centro di un fossato circolare e su di lui era stato deposto anche un carro. All'interno del recinto circolare di sepoltura era stato, in seguito, deposto il corpo di un uomo più anziano, di circa 50-60 anni di età. Probabilmente, secondo i ricercatori, si trattava di uno sciamano che venne sacrificato per poter essere utile all'uomo più importante nell'aldilà. Al momento, però, non ci sono prove a sostegno di questa ricostruzione.
Indubbiamente la sepoltura dell'uomo più anziano è piuttosto insolita per l'epoca. L'uomo è stato sepolto in posizione seduta. Le gambe, entrambe conservate, si estendevano verso il basso mentre la maggior parte dei morti dell'Età del Bronzo era disposta in posizione accovacciata, su un lato del corpo.
Fonte:
livescience.com

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog