Magazine Società

Greenpeace: il “Global Day of Action” per la salvaguardia del clima, contro le fonti fossili

Creato il 31 maggio 2015 da Stivalepensante @StivalePensante

Si è svolto ieri in 30 Paesi del mondo il “Global Day of Action”, con migliaia di persone scese nelle strade e nelle piazze per dimostrare pacificamente a favore della salvaguardia del clima e contro le fonti fossili. La richiesta è quella di una rapida transizione verso un futuro energetico 100 per cento rinnovabile.

(UFFICIO STAMPA GREENPEACE - ansa.it)

(UFFICIO STAMPA GREENPEACE – ansa.it)

Il “Global Day of Action”. Questo “Global Day of Action” – spiega Greenpeace – è il primo di una serie di tre appuntamenti previsti da qui a fine anno, quando si terrà la Conferenza delle Parti di Parigi, evento che potrebbe segnare la storico traguardo di un nuovo accordo mondiale sui cambiamenti climatici. È anche il risultato dell’impegno congiunto di movimenti e organizzazioni come Coalition Climat 21, CAN, 350.org, Avaaz, Friends of the Earth, WWF. Per questa mobilitazione Greenpeace ha adottato lo slogan #GetupAnd – “un esplicito invito ad agire in prima persona”, osserva l’organizzazione ambientalista.

“Questa iniziativa segna la nascita di un movimento globale che in vista del vertice di Parigi si impegna a fare pressione su leader politici ed economici per chiedere un futuro 100 per cento rinnovabile”, dichiara Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia. “Con i nostri flash mob in 24 città italiane – aggiunge Boraschi – vogliamo suonare la sveglia al governo e all’opinione pubblica”.

Greenpeace: “La linea adottata dal governo italiano è palesemente contraddittoria”. “A fronte di molti proclami e iniziative – come gli Stati Generali del Clima che si terranno a Roma il prossimo 22 giugno – l’indirizzo concreto è quello di cercare di sfruttare le misere riserve petrolifere del Paese, in mare e a terra, in barba a ogni impegno di riduzione delle emissioni. Nel frattempo si continua a penalizzare la crescita delle energie pulite e a non fare nulla per superare in fretta l’uso del carbone”. (ANSA)


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog