Magazine Diario personale

Halloween Writing Contest - Tema: Olof non era un buon cristiano già dai tempi del primo liceo

Da Svolgimento @svolgimento
Halloween Writing Contest
Svolgimento
Halloween Writing Contest - Tema: Olof non era un buon cristiano già dai tempi del primo liceo«Olof non era un buon cristiano già dai tempi del primo liceo. Era un ragazzino solitario, vestiva male, parlava poco, era ambiguo. Ogni tanto lo si vedeva in giro con un uomo quindici o vent’anni più grande di lui, alcuni dicevano fosse omosessuale. Io, per mia natura, non credo al pettegolezzo e, mi sembra sia evidente, sono stata più acuta degli altri. Alla luce dei fatti accaduti Olof ha manifestato una ben più grave menomazione psichica – lungi da me considerare l’omosessualità una menomazione psichica, al contrario trovo che i gay siano persone dotate di un’incredibile intelligenza, cosa che Olof ha dimostrato di non possedere, o comunque qui sarebbe opportuno indagare sulla natura del male, che sia ignoranza o perfidia. Una grave menomazione psichica, dicevo, che lo ha portato a fare quel che ha fatto»  «Io credo che Karin non fosse davvero vergine. Anzi, sono sicuro di aver sentito voci che alludevano ad uno stupro subito in tenera età. Sì, ci si riferiva a lei quel giorno. Poco importa. La verginità che cercavo io non era fisica, piuttosto uno stato mentale»«Solo ora rimango allibita dall’idea di coinvolgere ed essere coinvolta all’interno del piano visionario di un pazzo. D’altra parte non c’è di che stupirsi: le forze del male, gli spiriti maligni, lo so, possono sedurre anche un’anima candida come la mia, o come quella di Elisabeth»
«Quando conobbi Elisabeth lei era ancora la fidanzata del mio bassista. Ci vedevamo in sala prove e tutti i mercoledì le parlavo di musica. Mi ascoltava sempre con attenzione, tant’è che pian piano incominciò ad avere un’ammirazione quasi religiosa nei miei confronti. Un giorno la vidi che si era già lasciata. Le presi la mano, gliela gettai con un sorriso dietro la mia spalla e stampai le mie labbra sulle sue»
«Si frequentavano da più di due mesi, non so cosa ci trovasse in quel poco di buono. Al telefono una volta mi ha detto che era essenziale alla sua crescita personale, che ne aveva bisogno proprio in quel momento, queste storie qui. Io l’ho sempre trattata da buona amica e anche quel giorno, nonostante la mia disapprovazione, le feci capire che se per lei era quello giusto allora doveva lottare per tenerselo stretto. E fu così che conobbi Olof»«Inevitabilmente incominciai a parlarle delle voglie più irrefrenabili che avevo. Mi mostrò talmente tanto interesse che dopo poco la portai nella mia piccola libreria di fiducia»«Non ho mai messo piedi in quella libreria, deve essere sicuramente un posto spettrale. Dicono che se fai colpo sul moretto al bancone hai più possibilità di farti passare certi libri. Certi libri, che orrore! Mi hanno detto che all’apparenza sembra una Bibbia come le altre, con la sola differenza che viene utilizzata per celebrare Satana»«Satana, caproni e messe nere… sono tutte cazzate! Io avevo altro in mente. Quando mi fermo a pensare, quando resto ad osservare le foglie, i frutti, i ciottoli sul fondo del fiume, vedo in natura composizioni perfettamente ordinate; la geometria frattale della natura. Piogge di spirali, l’essere che è intrinseco. Poi vedo i corpi, la materia, le imperfezioni e mi chiedo come tutto questo possa influenzare la nostra natura sostanzialmente pura e spirituale…»«Io non ho mai avuto a che fare con tutto questo. Questa storia, la storia di Karin, mi mette ansia e disagio. A volte mi chiedo che cos’è che ci faccio qui. Con chi sto parlando? Vorrei essere già adulta, vorrei realizzare i miei sogni, vedermi sistemata…»   «L’adolescenza fa schifo»«…E invece mi hanno accusata, calunniata, violentata! Non in senso fisico, è chiaro. Anche in questo sono stata più prudente delle altre: Il giorno che ci recammo nei pressi di *** sapevo bene a cosa stavamo andando incontro, era tutto chiaro. Oddio, Karin… Karin era così ingenua… Il volto mi si rigò di lacrime appena capì cosa stava per accadere. Cinque paletti conficcati nel terreno, cinque candele, un nastro che disegnava la stella del demonio…»    «Il pentacolo viene prettamente utilizzato per invocare o consacrare. Le punte sono in rappresentazione dello spirito e delle forze elementali. Quei libri io ed Elisabeth li conoscevamo a memoria e lei, con me, conveniva sul fatto che l’unico amore possibile prevede la comunione mistica con l’intero creato»«Olof iniziò a toccare Karin, che era totalmente fuori di testa - probabilmente assunsero entrambi grandi quantità di droghe già prima di raggiungere il boschetto. Pare anche che nel pomeriggio abbiano fatto… non so come dirlo… sì, abbiano avuto rapporti sessuali o qualcosa di simile, che si siano cimentati in un gioco erotico o… non lo so…»   «Marit ci ha procurato la droga. Con molte probabilità si era già fatta lungo la strada. Neanche il tempo di sistemare tutto che scopava con Karin come una matta. Tutti e quattro ci lanciavamo sguardi lascivi e, tutti, in poco tempo abbiamo fatto di Karin carne da macello» «La prese poi con forza e iniziò a penetrarla. La povera Elisabeth, alla vista degli occhi indemoniati di quel mostro, svenne... Lui, noncurante, continuava a penetrare Karin… più la penetrava e più la stringeva… cercai di aiutarla… tutto inutile…»«Ho visto Marit fare cose indicibili col cadavere della piccola Karin. Ogni movimento e ogni gesto era una continua prova della sua insana perversione per i genitali, per le mutilazioni»«Fra le lacrime riuscivo a malapena a distinguere il volto di Karin, che si deformava e si contraeva in smorfie mai viste prima d’ora»«Mi pento solo di non aver avuto una videocamera con me, di non aver filmato il rituale. Tutte quelle facce che esplodevano di piacere alla liberazione di pulsioni trattenute durante il corso della vita… io la notte del *** ho salvato quelle donne, Karin compresa. Le ho guidate affinché tutte le cesure potessero essere ricongiunte, come all’inizio dei tempi. In tutta quella omogeneità non riuscivo a scorgere i divisi, gli spezzati, gli imperfetti poiché eravamo tutti parte di un unico corpo»
Giovanni Alberto Arena

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Tema : Delizia

    Tema Delizia

    Svolgimento : Delizia e suo fratello sono soli al mondo, abitano in una casa ai margini della periferia, abusiva tutta quanta, calcinacci al posto del... Leggere il seguito

    Da  Svolgimento
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI, DA CLASSIFICARE
  • Tema: Trascendentale

    Tema: Trascendentale

    Svolgimento“Non c’è nulla di trascendentale”. Tra-scen-den-ta-le. Cinque sillabe scandite da labbra in apparenza sazie di ovvietà. Leggere il seguito

    Da  Svolgimento
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI, DA CLASSIFICARE
  • Tema : Incubi

    Tema Incubi

    Svolgimento:Forse è perché della notte scura che abbiamo paura. Il buio, il nero, l’abisso con i suoi fottuti occhi profondi. L’abisso che ha le urla dei... Leggere il seguito

    Da  Svolgimento
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • Tema: Pazienza

    Tema: Pazienza

    Svolgimento- Potremmo andare in un’agenzia di viaggi, che ne dici?- Per fare che cosa?- Per prendere qualche catalogo, vedere qualche offerta. Leggere il seguito

    Da  Svolgimento
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • Tema: Vulcano

    Tema: Vulcano

    SvolgimentoCaro amico,Vado incontro al vulcano, un tesoro sotto i miei piedi ribollente e infernale. Alla conquista di un passaggio per il centro della terra, m... Leggere il seguito

    Da  Svolgimento
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI, DA CLASSIFICARE
  • Tema: Raia

    Tema: Raia

    SvolgimentoNo. Non si dorme stasera. E non perché c’è aria di mobilitazione generale. Domani si parte. Io non ci vado, se lo possono sognare. Io sto pensando a... Leggere il seguito

    Da  Svolgimento
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI, DA CLASSIFICARE
  • Tema: L'obbedienza

    Tema: L'obbedienza

    SvolgimentoAveva deciso di entrare in convento che non aveva neanche diciannove anni. Raccolse tutto il coraggio e comunicò la decisione ai suoi; la madre si... Leggere il seguito

    Da  Svolgimento
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI, DA CLASSIFICARE