Magazine Musica

HEADCRASHER, Nothing Will Remain

Creato il 27 dicembre 2017 da The New Noise @TheNewNoiseIt

HEADCRASHER, Nothing Will Remain

Gli Headcrasher, formatisi a Cosenza a metà anni Ottanta e in seguito trasferitisi a Torino, hanno lasciato una traccia importante nella memoria comune degli appassionati, in particolare grazie all’album Nothing Will Remain, un concentrato di speed e thrash influenzato dalla scena statunitense eppure dotato di una personalità spiccata e di una solida visione d’insieme. Realizzato originariamente in vinile, l’album torna in forma di doppio cd grazie all’interessamento della Punishment 18 e ribadisce ancora oggi le potenzialità di una band che aveva saputo far tesoro dell’esperienza accumulata negli anni per creare una miscela interessante e assolutamente al passo con i tempi, soprattutto in un periodo in cui si dovevano fare i conti con un panorama sempre più dinamico e insofferente all’eccessiva pulsione reazionaria di alcune delle sue band storiche. Questo, anche grazie alla non scontata capacità di inglobare su radici solide quelle contaminazioni che già cominciavano a far breccia nell’immaginario metal (“F.F.W.”, “Bath Man”, ma anche vari spunti e sonorità presenti lungo l’intero album). Nothing Will Remain riesce così a superare la prova del tempo nel dar ragione alle ottime recensioni e reazioni suscitate all’epoca. Per rendere più ricca la ristampa, il secondo cd contiene un promo del 1991, al tempo riservato ai soli addetti ai lavori e contenente i brani che sarebbero poi finiti nel successivo Introspection (uscito sempre nel 1991 su Dracma Records), qui proposti in maniera meno rifinita ma anche più potente.

Ciliegina sulla torta, la band si è ritrovata per comporre un brano nuovo “In Our Times”, un anthem potente che non fa rimpiangere il passato e regala all’ascoltatore un assaggio di quello che potrebbe succedere in futuro. Il condizionale è purtroppo d’obbligo visto che i membri degli Headcrasher sono oggi sparsi in quattro città, tre nazioni e due continenti, il che rende a dir poco difficile una continuazione perlomeno a livello logistico. Un peccato, perché – come si diceva – il brano colpisce nel segno e non delude le aspettative, tanto da far sperare in un più solido comeback discografico. Non resta che aspettare notizie dagli stessi interessati.

Tracklist

CD 1 Nothing Will Remain

01. Blood From The Sky
02. Live Or Die (W.C.W.C.)
03. Waiting 4 An Answer
04. F.F.W.
05. Bath-Man
06. The Cemetery Of The Lost Cross
07. Overlook Hotel (Winter 1921)
08. Sk8 Life
09. Good Morning, Amazzonia!
10. Dead In The U.S.A
11. The Final Attack
12. Flebo’s Country

CD 2 Extra Bonus Unreleased

01. In Our Times (Bonus Track 2017)

Unreleased Promo ’91

02. Lord Money
03. H.I.V.
04. Selling Happiness
05. Childhood Stairs
06. Subliminal Pain
07. Within The Mirror

Dischi 1989, 2017, headcrasher, punishment 18 records

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :