Magazine Musica

HIGH COMMAND, Beyond The Wall Of Desolation

Creato il 19 ottobre 2019 da The New Noise @TheNewNoiseIt

HIGH COMMAND, Beyond The Wall Of Desolation

Gli High Command di Worcester (Massachusetts) sono una thrash band con all’attivo un ep (The Primordial Void, 2018) e Beyond The Wall Of Desolation costituisce il loro album di debutto. Hanno in sé la veemenza di quella che a suo tempo fu la scena della Bay Area e la propensione ad arricchire i brani con digressioni su territori sludge. La produzione stessa tende a enfatizzare i rallentamenti, facendo emergere le linee vocali abrasive di Kevin e la compattezza della sezione ritmica (Chris al basso e Pitz alla batteria). L’incisività delle prime tracce (“Inexorable Darkness”, “Merciless Steel”…) è mitigata dalla solenne “Devoid Of Reality” e da alcuni stop and go che conferiscono dinamismo a frangenti che avrebbero rischiato di risultare ridondanti. A dispetto dell’accento posto sull’impatto, inglobando nei diversi episodi fughe strumentali con assoli dal retrogusto heavy metal e un pizzico di contaminazione (dovuto in particolare ad alcune scelte ritmiche), si avvicinano alla proposta di altre formazioni affini, mostrando però identità e sensibilità proprie. Il loro immaginario è sospeso tra riferimenti eroici e velate riflessioni sociali, ma a colpire sono le note intessute dai musicisti che hanno preso parte al progetto. Benché “The Commander’s Code” spezzi vagamente l’atmosfera nel suo essere violenta eppure priva delle soluzioni stilistiche adottate in precedenza, “Visions From The Blade” recupera gli elementi costitutivi dell’incipit conducendo a “Forged To Kill”, durante la quale emerge inaspettata quella sguaiatezza sinora tenuta a freno e pronta a esplodere nell’epilogo affidato alla title-track. Lungo tutto il disco aleggia la sensazione che ci siano riferimenti al (proto) death, ma non divengono così palesi come negli episodi posti in chiusura, che lasciano sperare che la formazione statunitense possa ripetersi e ridurre in cenere ogni cosa.

Dischi 2019, high command, southern lord

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine