Magazine Cultura

Hunger Games Letterari: Distretto 9 - I tributi

Creato il 18 novembre 2019 da Roryone @colorelibri
Hunger Games Letterari: Distretto 9 - I tributi
Buongiorno a tutti Lettori e ben trovati!

Il lunedì, universalmente riconosciuto come il giorno perfetto per dare il via ad ogni buon proposito, porta sul blog un nuovo invitante GIOCO LETTERARIO. In collaborazione con Mondadori Oscar Vault ed in occasione dell'uscita delle nuove meravigliose edizioni di Hunger Games, la fortunata Trilogia di Suzanne Collins, 12 Blog, suddivisi in 12 Distretti rappresentanti da due tributi ciascuno, si sfideranno a colpi di libri, richiedendo l'apporto fondamentale dei lettori, per decretare il vincitore dei nuovi HUNGER GAMES LETTERARI!

Hunger Games Letterari: Distretto 9 - I tributiHunger Games Letterari: Distretto 9 - I tributiHunger Games Letterari: Distretto 9 - I tributi
Se ci seguite fin dall'inizio, sicuramente saprete già di cosa stiamo parlando, ma per togliere ogni dubbio vi rimando alla nostra pagina Facebook e, nello specifico, al post inaugurale del gioco in cui ritroverete il familiare regolamento. Ovviamente, però, questo non è tutto perché vi sarete anche indubbiamente concentrati, oltre che sulla parte divertente del gioco, sul lato che prevede per uno di voi un cospicuo premio: partecipando al Giveaway, del quale sempre sulla nostra pagina social trovate tutte le regole, un fortunato lettore, estratto tra quelli che si sono schierati con il Distretto vincente (il post è ormai stato chiuso e ricordo che le scelte NON possono essere assolutamente cambiate) si porterà a casa l'intera trilogia nella sua bellissima nuova veste grafica! 

Ma dopo questo breve riepilogo, è ora di tornare a noi e al post di presentazione dei miei personalissimi Tributi: per il DISTRETTO 9, casa della FANTASCIENZA, sono stati estratti due colossi della letteratura di genere: PHILIP K. DICK ed ELEANOR ARNASON ed io ho scelto, per rappresentarli al meglio, i loro romanzi più apprezzati.


Hunger Games Letterari: Distretto 9 - I tributi
Philip K. Dick - La svastica sul sole

Nato il 16 Dicembre del 1928 a Chicago, Philip Kindred Dick ha passato gran parte della sua tormentata, inquieta e disordinata vita a Los Angeles, in California. Cresciuto da una madre possessiva e nevrotica, sviluppò una personalità contraddittoria, diffidente e contrastante soprattutto nei confronti delle donne. Sebbene il suo primo approccio alla fantascienza sia avvenuto nel 1949, ha esordito nel mondo della letteratura nel 1952, ma solo dopo la sua morte (e soprattutto negli ultimi anni) si è posto realmente al centro di una rivalutazione letteraria quasi senza precedenti, fino a divenire uno dei talenti più originali e visionari della Letteratura americana contemporanea. Punto di riferimento per un'ampia fetta di pubblico, le sue opere si prestano a chiavi di lettura differenti, da quelle più letterali a molte altre più profonde e riflessive, che gli hanno permesso, tra le righe dei suoi romanzi, di affrontare tematiche particolarmente ostiche. Oggi i suoi scritti sono considerati veri e propri classici.


TRAMA:Le forze dell’Asse hanno vinto la seconda guerra mondiale e l’America è divisa in due parti, l’una asservita al Reich, l’altra ai Giapponesi. Sul resto del mondo incombe una realtà da incubo: il credo della superiorità razziale ariana è dilagato a tal punto da togliere ogni volontà o possibilità di riscatto. L’Africa è ridotta a un deserto, vittima di una soluzione radicale di sterminio, mentre in Europa l’Italia ha preso le briciole e i Nazisti dalle loro rampe di lancio si preparano a inviare razzi su Marte e bombe atomiche sul Giappone. Sulla costa occidentale degli Stati Uniti i Giapponesi sono ossessionati dagli oggetti del folklore e della cultura americana, mentre gli sconfitti sono protagonisti di piccoli e grandi eventi. E l’intera situazione è orchestrata da due libri: il millenario I Ching, l’oracolo della saggezza cinese, e il best-seller del momento, vietato in tutti i paesi del Reich, un testo secondo il quale l’Asse sarebbe stato sconfitto dagli Alleati...

Eleanor Arnason - Sigma Draconis
Nata a New York il 28 Dicembre del 1942, Eleanor Atwood Arnason ha vissuto i primi anni della sua vita, fino al 1961, all'interno dell'Idea House #2 a Minneapolis, nel Minnesota, un edificio futuristico di cui il padre era il direttore. Il suo essere cresciuta a contatto con ideali innovativi e all'avanguardia rispetto all'epoca di cui è figlia, soprattutto in ragione delle influenze del pensiero femminista e socialista di cui la madre era esponente, ha fatto maturare in lei forti preoccupazioni per quello che sarebbe stato il futuro dell'umanità e del pianeta spingendola ad avvicinarsi al mondo della fantascienza. Al centro dei suoi romanzi, infatti, è facile ritrovare tematiche di un certo spessore, dalla politica, nella sua più ampia espressione, alla sessualità e alla lotta per un amore semplicemente universale, fino ad arrivare ad un desiderio di eguaglianza che dovrebbe essere, almeno ai giorni nostri, una costante indiscutibile in ogni piccolo pensiero. È stata definita la Ursula Le Guin degli anni Novanta.

TRAMA: Un'epoca lontana, Un Mondo profondamente diverso dal nostro tranne che per un particolare: le Donne devono lottare per la salvezza loro e del pianeta. È una razza che sembra schiava di abitudini Sessuali molto particolari..


Hunger Games Letterari: Distretto 9 - I tributi

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog