Magazine Cultura

I bambini non hanno mai colpe di Selmanaj Ismete

Creato il 10 aprile 2016 da Leggere A Colori @leggereacolori
I bambini non hanno mai colpe di Selmanaj IsmeteDa aprile in libreria

Da pochi giorni è arrivato in libreria I bambini non hanno mai colpe, il thriller mozzafiato di Selmanaj Ismete edito da Bonfirraro. In una regione difficile e impervia dell'Albania post- comunista, i fratelli Gjergj e Sokol si trascinano misteri inconfessabili, chiusi da tempo nei cassetti più profondi della memoria. Le loro verità occulte si incrociano con le ricerche di Martin, appena arrivato dall'Inghilterra, che segue i due come un'ombra. Il giallo si infittisce quando, presso il parco della città, viene trovato il corpo senza vita di un uomo dal passato turbolento. È un caso per Andi, l'astuto capo della polizia esperto nella lotta al traffico degli esseri umani. Facendosi guidare da un'estrema sensibilità, combatterà contro gli incubi peggiori della sua mente e si troverà a fare i conti con un raccapricciante caso di pedo - pornografia. I bambini non hanno mai colpe è un thriller corale, in cui tutti sono protagonisti e su tutti gravano sospetti e misteri che coinvolgono e confondono personaggi e piani temporali. Ognuno ha qualcosa da nascondere e zone d'ombra nella propria esistenza da dover dimenticare. La fa da padrona l'attualità e le sue piaghe più mostruose, dove si interseca il Kanun, un codice di comportamento albanese di tradizione medievale che grida perennemente alla vendetta. Niente è come sembra in questa storia cruda e piena di suspence e colpi di scena fino alla fine, che induce a una riflessione: la lotta all'abuso sui minori chiama inevitabilmente in causa la responsabilità collettiva.

Due bambini, Gjegj e il fratello Sokol, sono gli unici testimoni della morte del padre. Loro malgrado, entrano nelle terribili trame del debito di sangue, accusati dal loro nonno che grida alla vendetta, secondo l'antica regola del Kanun, codice di comportamento albanese di tradizione medievale. L'unica strada per la salvezza, sarebbe stata quella di restare reclusi in casa, dove si prospettava un'unica possibilità, ovvero morire giorno dopo giorno. L'aiuto di uno zio e la forza morale della madre è provvidenziale e, con molta determinazione, decidono di allontanarsi dal paese e trasferirsi in una piccola città. Adesso da uomini maturi cercano di andare avanti, portandosi nell'anima le conseguenze di quel tragico giorno; Gjergj con i suoi incubi e Sokol con la sua irascibilità che emerge dalla sua psiche giusto quando si tratta di abuso sui minori. Il passato li ha segnati fortemente e molto presto dovranno affrontare altre verità inconfessabili, chiuse per molto tempo nei cassetti più profondi della memoria. La loro vita subisce un cambiamento radicale quando al parco della città, viene trovato il corpo senza vita di un uomo con un passato turbolento e dalla comparsa improvvisa di un'ombra misteriosa che segue i due fratelli ovunque. Chi è e cosa vuole da loro? E riuscirà Andi, l'astuto e integerrimo capo della polizia, a rivolvere l'intreccio, forte della sua esperienza da professionista, da profondo conoscitore delle dinamiche del Kanun? Fin dove si fermeranno le sue paure di padre, la sua sensibilità traboccante e i suoi incubi più terribili?

L'Albania post-comunista guarda adesso insicura alla fragile democrazia instaurata nel paese dopo una chiusura totale di quasi mezzo secolo. I vecchi rancori e i conti lasciati in sospeso dal pugno di ferro della dittatura, sono riaffiorati prepotentemente senza regole e senza pietà alcuna. Non si risparmiano più né donne né bambini. Il Kanun, dopo un sogno letargico di quasi cinquant'anni, si è svegliato e ha iniziato a mietere vittime per un'assurda logica di vendetta esattamente da dove un tempo lontano si era fermato. Gli omicidi, provocati anche per una parola in più, per impossessarsi di un metro di terra del vicino di casa, per una zappa rubata oppure per un sguardo storto, sono all'ordine del giorno. Ci sono bambini già nati in debito di sangue che non hanno mai visto il mondo fuori dalla loro casa che si è già trasformata in una prigione. Ci sono donne che impugnano il fucile e che, nel nome del Kanun, uccidono a sangue freddo uomini e ragazzini. A questo si aggiungono gravissime problematiche, fino a poco tempo fa sconosciute alla cultura secolare tradizionale, con cui l'Albania adesso deve fare i conti: pedofilia, abuso sui minori, incesto, tratta degli esseri umani, prostituzione e malavita in generale.

Ismete Selmanaj è nata a Durazzo, in Albania. Nel 1991 si laurea all'Università di Tirana presso la Facoltà di Ingegneria Edile, ma la passione per la letteratura, che l'ha accompagnata sin da quando era bambina e che le ha fatto vincere medaglie e numerosi premi, non l'ha mai abbandonata. Vive sulla sua pelle la crisi politica albanese: nel 1992, infatti, decide di trasferirsi in Italia, risiedendo da allora in provincia di Messina. Con Bonfirraro lo scorso anno ha pubblicato il libro di successo Verginità Rapite che segna il suo esordio in lingua italiana, adottato dalla cattedra di "Cultura e Letteratura Albanese" presso l'Università di Palermo. I bambini non hanno mai colpe è il suo secondo romanzo.

I bambini non hanno mai colpe di Selmanaj Ismete

Giurista ed aspirante criminologa. Nell'attesa alle prese con le nuove frontiere della tecnologia nell'active ageing, TV series addicted ma soprattutto lettrice onnivoro-compulsiva.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • I Like

    Like

    Tempo fa mi sono imbattuta per caso in un articolo interessante. Matt Hanon, un redattore di Wired, ha deciso di cliccare sul pulsantino del like su tutto quell... Leggere il seguito

    Da  Martinaframmartino
    CULTURA, LIBRI
  • I Reduci – 4

    Reduci

    Primo giovane (rivolto al generale con una sigaretta in mano) -         Nonno, hai mica del fuoco, per piacere? D.V. (con fare minaccioso) -         Se non... Leggere il seguito

    Da  Albix
    CULTURA, LIBRI
  • I piatti

    Una sera, nonna, mi hai chiesto se potessero servirmi dei piatti. Dal capotavola mio padre ha preso la parola e ha risposto: < per la casa nuova certo le... Leggere il seguito

    Da  Foscasensi
    CULTURA, TALENTI
  • Il Natale attraverso i secoli: i Saturnali.

    Natale attraverso secoli: Saturnali.

    (Nell'immagine: la natività di Guido Reni)I Saturnali erano un’antica festa della religione romana dedicata a Saturno e alla mitica età dell'oro. Leggere il seguito

    Da  Pierluigimontalbano
    CULTURA, STORIA E FILOSOFIA
  • Codex / I Codici del contemporaneo – cap. I

    Codex Codici contemporaneo cap.

    SUTERA (CL) - "CODEX / I CODICI DEL CONTEMPORANEO - Capitolo Primo" è un progetto artistico ideato e curato da Veronica Di Carlo che prevede la realizzazione... Leggere il seguito

    Da  Fasterboy
    ARTE, CULTURA
  • I susamielli

    susamielli

    Un dolce natalizio della Campania è il susamiello, il cui nome probabilmente deriva dal sesamo, i cui semi  ricoprivano i globulos degli antichi romani,... Leggere il seguito

    Da  Skip
    CULTURA
  • I mega

    mega

    Il male impera e il famoso diavolo degli allarmisti continua a implorare il “gufare” (offensivo per il fratello uccello Gufo) alibi inventato dal... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA