Magazine Diario personale

I blog sono morti? Il mio ancora no

Da Micamichela @micamichela
Ho aperto il mio blog oggi dopo mesi, non so nemmeno quanti, per controllare da quanto tempo non scrivevo qualcosa. Non scrivevo da così tanto che mi ero dimenticata che sul mio blog non c’è la data dei post. L’avevo tolta perché mi piaceva l’idea di pubblicare senza una collocazione temporale, in modo che sembrasse tutto consecutivo o tutto staccato, dipende dai punti di vista. 
Non scrivevo da così tanto che non mi ero accorta che c’erano dei commenti al mio ultimo post, forse non mi era arrivata la mail? Forse è passato così tanto che li avevo letti e mi sono dimenticata?
Mi sono resa conto anche che è molto tempo che non leggo un blog, soprattutto quelli fatti di tante parole, oppure apro e leggo una riga ogni tre come con i libri che non mi piacciono ma mi intestardisco a non abbandonare. Ma soprattutto non commento, e direi che guardando i numeri non sono la sola: ormai le conversazioni sono da altre parti, e anche quando capita di leggere il post, se ne parla poi su Instagram o su Twitter, dove la conversazione è meno unidirezionale.
Eppure gli argomenti ci sono, almeno per me: scrivo su Twitter praticamente ogni giorno, ogni tanto mi capita anche di parlare nelle storie di Instagram (quando non mi trovo troppo orrenda, quando la luce è propizia e i pianeti sono allineati) e molte di queste cose penso che potrei anche scriverle, avendo il tempo e la voglia di sedersi sul divano con le gambe incrociate e il portatile addosso (tipica posa del blogger).
Che poi non è vero che i blog sono spariti, sono spariti i nostri blog, i piccoli blog di noi comuni mortali” non professional, noi che l’abbiamo sempre fatto perché ci piaceva e non per lavoro o per divulgazione. Noi che facevamo un giorno la pagina di diario personale, un giorno la recensione incompetente di un film e quello dopo l’elenco dei prodotti del nostro beauty come se qualcuno ce l’avesse chiesta. Siamo noi ad essere spariti. Ma perché? A me piaceva il mio blog, mi piacevano gli altri proprio fatti come il mio: sempre vari, simpatici, un giorno seri e un giorno.
Ho deciso che tornerò a leggere i blog.
E magari tornerò a scrivere, tanto sul blog non ci sono le date e il post prima di questo posso averlo scritto anche l’altro ieri, che ne sapete voi.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog