Magazine Eventi

I femminielli di Calvino per il 30ennale della Sala Assoli

Da Uiallalla

la tarantina in una foto d’epocaPer i trent’anni della Sala Assoli, il regista e drammaturgo Fortunato Calvino porta, dal 24 al 26 novembre nella sala dei Quartieri Spagnoli il progetto “‘E Femmenielle”: una video-intervista a la Tarantina [nella foto] e la mise en espace del suo testo inedito “Pelle di seta - Storia di un travestito alcolizzato alla Stazione Centrale di Napoli”

“Sono venticinque anni che presento i miei testi alla Sala Assoli – spiega Fortunato Calvino - ho iniziato nel 1990 con ‘La Statua’, e sono ventotto anni che vivo ai quartieri spagnoli e l’universo dei ‘femminielli’ mi ha sempre affascinato e quale migliore occasione per portare in scena il loro mondo”

Nella video-intervista (prodotta in collaborazione con il centro SINAPSI dell’Università Federico II), la Tarantina - uno degli ultimi femminielli della zona - racconta la sua vita del suo arrivo a Napoli, subito dopo la guerra: una città vista con gli occhi di un ragazzino e il suo avvio alla prostituzione, la persecuzione della polizia, la partenza per Roma, dove ha vissuto la sua personale e trasgressiva “dolce vita” conoscendo Pasolini, Fellini, Laura Betti. A parlarne con l’autore ci sarà il prof. Paolo Valerio .

“Pelle di Seta”, invece, scritto e dedicato a un personaggio che l’autore spesso incontrava alla stazione di Napoli: alto, capelli tirati all’indietro, rossetto e fard su un viso deturpato dalla droga, si aggirava disperatamente alla ricerca di sesso per pochi spiccioli- . Calvino né ricostruisce il percorso attraverso una drammaturgia intensa, ironica e lacerante. Pelle di Seta ci porta nella quotidianità di una stazione, dove uomini incontrano altri uomini, per darsi piacere.

La Sala Assoli si trova in vico lungo Teatro Nuovo 110 a Napoli. Orario spettacoli: ore 20.30

Biglietti: € 12 (intero), € 8 (ridotto under 25 e studenti universitari)
Per info e prenotazioni: 081 19563943 | [email protected]


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :