Magazine Società

I misteri dell'ecosistema marino nascosto da 120 mila anni

Creato il 02 novembre 2017 da Giuseppebenanti
Un team di scienziati, guidato dall'Analisi Britannica Antartica (BAS), ha progettato una missione per indagare su un misterioso ecosistema marino nascosto sotto una mensola di ghiaccio antartica per 120.000 anni. I ricercatori vogliono scoprire come questo ecosistema marino risponderà ai cambiamenti ambientali in una regione sensibile al clima.Il massiccio iceberg liberato dal ghiacciaio Larsen C Shelf denominato A68I misteri dell'ecosistema marino nascosto da 120 mila anni, quattro volte la dimensione di Londra, espone adesso circa 5.818 km 2 di fondali marini. Il gruppo progetta una ricerca a bordo di una nave verso questa zona prima che le comunità biologiche comincino a cambiare seguendo il movimento dell'iceberg gigante. Tuttavia, possono raggiungere quest’obiettivo solo se l'iceberg continua sul suo percorso lontano dal ripiano di ghiaccio rimanente.
Il monitoraggio satellitare rivelerà le opzioni per navigare attraverso il ghiaccio marino. Se tutto andrà bene, il team trascorrerà tre settimane a febbraio del 2018 a bordo della nave di ricerca di BAS RRS "James Clark Ross" .Katrin Linse biologa marina della British Antarctic Survey che guida la missione, ha detto:"Abbiamo un'occasione unica per studiare come la vita marina risponda a un drammatico cambiamento ambientale. Normalmente, ci vogliono anni per pianificare crociere di ricerca marina. Per queste operazioni navali si riconosce l'urgenza di agire rapidamente. Tutto quello che abbiamo bisogno, ora è che l'iceberg A 68

I misteri dell'ecosistema marino nascosto da 120 mila anni

Visione satellitare del Larsen C A68


si muova abbastanza lontano dal rimanente scaffale ghiacciato e che il ghiaccio del mare si sciolga, per navigare in modo sicuro. È intrigante pensare quello che potremmo trovare. Utilizzando una serie di tecniche diverse, con un approccio multidisciplinare e il concorso di una squadra internazionale, esaminerà l'ecosistema marino che attraversa la colonna d'acqua dalla superficie dell'oceano fino al fondo e arriva al sedimento ".Questa zona marina appena esposta è la prima per la quale viene attivato un accordo internazionale, realizzato nel 2016 dalla Commissione per la Conservazione delle Risorse Marine Antartiche (CCAMLR). L’accordo indica aree speciali per lo studio scientifico in aree marinare appena esposte dopo il crollo o il ritiro dei ripiani di ghiaccio, attraverso l'Antartide. L'accordo è venuto dopo una proposta dell'Unione europea a CCAMLR, guidata dagli scienziati britannici dell'Analattar Antartico (BAS).
Immagine satellitare del Larsen C Iceberg A68
Il dottor Phil Trathan, responsabile della biologia della conservazione di BAS, faceva parte della delegazione britannica a CCAMLR e fa parte della squadra di ricerca. Ha dichiarato:"L'allevamento di A68, offre un'opportunità nuova e senza precedenti per creare un programma scientifico per affrontare questioni incentrate sulla mobilità e sulla capacità di colonizzazione delle specie marine bentoniche. Speriamo di rispondere a domande fondamentali, riguardanti la sostenibilità delle mensole continentali polari nel quadro del cambiamento climatico, tra cui potenzialmente i processi che fanno migrare le popolazioni bentoniche e, la misura in cui gli organismi bentonici agiscono come un lavandino biologico e il grado in cui la distribuzione dei bentos marini viene utilizzata per interpretare le risposte passate al cambiamento climatico in vari sistemi."È importante arrivarci velocemente in modo da effettuare una valutazione di base prima che l'ambiente marino appena esposto cambi e nuove specie inizino a colonizzare l'area".
Con la squadra di ricercatori che comincia a mobilitarsi, i glaciologi della BAS e gli specialisti di tele-rilevazione continuano a monitorare il movimento della Larsen C Ice Shelf. All'inizio del 2018 si eseguiranno voli di osservazione dalla stazione di ricerca BAS di Rothera. Andrew Fleming, capo di remote sensing al BAS ha dichiarato a tale proposito:"Stiamo osservando molto attentamente l'avanzamento del Larsen berg, perché non abbiamo visto un certo numero di uguali dimensioni in questa zona per un certo tempo e che hanno la possibilità di ostacolare le corsie di trasporto nella zona, soprattutto quando  gli iceberg cominciano a rompersi e a disperdersi."


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :